Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Etiopia: firmata intesa con UNIDO, rinnovato sostegno industria pelle

ADDIS ABEBA, 29 NOVEMBRE – Fin dal 2002 la Cooperazione italiana sostiene il miglioramento dell’industria del pellame in Etiopia con finanziamenti, ad oggi, pari a 13,5 milioni di euro per un settore fondamentale per lo sviluppo del Paese. Nell’ambito del rinnovato impegno della Cooperazione italiana, in un evento ospitato dal Ministero dell’Industria etiopico, si è svolta la cerimonia di firma del Memorandum d’intesa che prevede un contributo di 2,8 milioni di euro da parte dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo all’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO).

Il principale obiettivo dell’iniziativa “Assistenza Tecnica per il miglioramento dell’Industria del pellame in Etiopia – Nuova Fase”, della durata triennale, è incrementare la competitività e la capacità produttiva dei cluster di micro e piccole imprese nel settore dei prodotti in pelle, sia formali che informali. Questa fase dell’iniziativa porterà alla maturazione i 4 cluster e i relativi 12 network già formati nell’area di Addis Abeba nella fase precedente del progetto. Tra le imprese sostenute dai fondi della Cooperazione c’e’ quello delle 10 donne imprenditrici del Lomi Group: un’associazione che produce prodotti in pelle e accessori chiamata così dal detto tradizionale “50 limoni (‘lomi’ in amarico) sono un peso per una persona, ma un gioiello per 50”. Una componente importante dell’iniziativa sarà il miglioramento delle capacità tecniche e gestionali a livello delle singole imprese, Inoltre, tramite il consolidamento di strategie comuni, si definiranno una struttura organizzativa formalizzata e meccanismi di coordinamento a livello di cluster.

L’accordo è stato firmato dall’Ambasciatore d’Italia in Etiopia, Giuseppe Mistretta, e dal Rappresentante e Direttore dell’UNIDO, Jean Bakole, alla presenza del Vice Ministro etiopico per l’Industria, Tadesse Haile, del Consigliere del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Antimo Campanile, della Direttrice della sede AICS di Addis Abeba, Ginevra Letizia, e del Direttore dell’Istituto per lo Sviluppo dell’Industria del pellame, Wondu Legesse, alla presenza di vari rappresentanti delle diverse parti coinvolte.(@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts