Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Giordania: luce verde a progetto Red Sea-Dead Sea; Italia aiuta

AMMAN, 2 DICEMBRE – Il ministero delle acque della Giordania ha dato luce verde alla realizzazione della prima fase del progetto Red Sea-Dead Sea che prevede la realizzazione di un impianto di desalinizzazione a nod di Aqaba e una condotta che collega il Mar Rosso al Mar Morto. L’Italia contribuira’ all’iniziativa con un credito d’aiuto di 50 milioni di euro (dal valore “grant equivalent” di circa 25 milioni di euro) e un dono di 2 milioni.

Il contributo italiano sarà confermato in seguito alla positiva conclusione degli studi in corso sull’impatto ambientale del Progetto e dopo una valutazione finale sulla sua complessiva sostenibilità finanziaria. Ulteriori risorse potranno essere attivate nell’ambito della “Neighbourhood Investment Facility” dell’Unione Europea.

L’annuncio del impegno italiano è stato dato dall’Ambasciatore italiano in Giordania, Giovanni Brauzzi, alla Conferenza dei Donatori tenutasi presso il Mar Morto il primo dicembre. L’Italia è coinvolta nel Progetto Mar Morto – Mar Rosso fin dalle fasi iniziali, avendo finanziato in parte il primo studio di fattibilità.

La decisione di sostenere ulteriormente il Progetto è stata presa sulla base del potenziale contributo che può apportare allo sviluppo della Giordania e dei Paesi circostanti, al reperimento di nuove risorse idriche, alla salvaguardia del Mar Morto, e alla stabilità della regione mediorientale.

Il progetto Red Sea-Dead Sea, che ha ricevuto impulso nel 2013 da un memorandum di intesa firmato da Giordania, Israele, Autorita’ Palestinese con la Banca Mondiale, prevede che ogni anno, una volta a regime,  siano pompati circa 200 milioni di metri cubi di acqua dal Mar Rosso. Di questi una parte dovrebbe essere incanalata nel grande impianto di desalinizzazione di Aqaba che produrrà acqua potabile da dividere tra Israele e Giordania. Cento milioni di metri cubi del sottoprodotto altamente salino dell’impianto saranno convogliati verso il Mar Morto per ricostituire il livello del grande lago salato. Nell’ambito dello stesso accordo, Israele dovrebbe pompare 50 milioni di metri cubi di acqua destinati alle regioni settentrionali della Giordania e 30 milioni per gli abitanti della Cisgiordania governati dall’Autorità Palestinese.(@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts