Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Myanmar: da Italia aiuti a UNHCR per sfollati Rohingya

ROMA, 6 DICEMBRE – Una crisi umanitaria “dimenticata”, quella della comunita’
Rohingya a Myanmar, sale all’attenzione della Cooperazione italiana.  La situazione nello stato di Rakhine, l’area piu’ povera della ex Birmania, e’ notevolmente peggiorata di pari passo con il drastico deterioramento del quadro di sicurezza innescato da attacchi in ottobre alle forze dell’ordine. La violenta repressione della polizia ha provocato decine di vittime fra i civili e lo spostamento forzato di migliaia di persone, costrette ad abbandonare le proprie abitazioni e bisognose di cibo, riparo e cure mediche.

ob-1-620x264

Secondo dati OCHA di ottobre nello stato di Rakhine erano oltre 120 mila le persone che tuttora vivono in campi per sfollati e quasi tutti Rohingya.  In una riunione dell’Humanitarian Liaison Working Group (HLWG) richiesta qualche giorno fa dal sottosegretario  Onu per gli aiuti di emergenza Stephen O’Brien presso la Rappresnetanz aPermanente italiana, lo stesso O’Brien aveva lanciato l’allarme parlando di una casistica diffusa di discriminazioni e gravi violazioni di diritti umani tra cui torture, stupri e aggressioni sessuali, esecuzioni sommarie e la distruzione di case e moschee.

Accogliendo l’appello dell’Alto Commissariato per i Rifugiati e le indicazioni dell’Ambasciata a Yangon, la Direzione Generale della Cooperazione – di intesa con l’Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) – ha deciso un finanziamento di 250.000 Euro a favore di UNHCR per interventi di assistenza umanitaria da realizzare nello Stato di Rakhine nel quadro del progetto denominato ” Protection and assistance for displaced persons and stateless individuals in Rakhine State”.

il contributo sara’ utilizzato per finanziare le attivita’ di assistenza e protezione che UNHCR svolge a beneficio degli sfollati interni e degli apolidi con particolare attenzione alle persone disabili, nonche’ quelle volte alla prevenzione dei casi di violenza di genere e nel settore “shelter”.  (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts