Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Etiopia: con Italia due accordi, per registrazione nascite e contro mutilazioni genitali

ADDIS ABEBA, 8 DICEMBRE – Due importanti accordi tra la Cooperazione italiana in Etiopia e le agenzie UNICEF e UNFPA, destinati rispettivamente a migliorare il sistema di registrazione delle nascite e a tutelare le donne dal rischio di mutilazioni genitali sono stati firmati per l’Italia dall’Ambasciatore in Etiopia Giuseppe Mistretta e dalla Direttrice della sede AICS di Addis Abeba Ginevra Letizia e prevedono un contributo di 500mila euro.

L’accordo con UNICEF, sottoscritto dalla Rappresentante Paese Gillian Mellsop, sostiene l’iniziativa “Miglioramento del sistema delle registrazioni civili per il diritto dei minori all’identità: Identification for Identity” che sarà attuata nelle regioni dell’Oromia e SNNPR (Southern Nations, Nationalities, and Peoples’ Region). Il progetto mira ad assicurare il diritto dei minori all’identità attraverso il miglioramento e la standardizzazione del sistema delle registrazioni civili, il rafforzamento tecnico e istituzionale delle due agenzie anagrafiche regionali e interventi di sensibilizzazione delle comunità. L’Italia diventa cosi’ il primo partner europeo a finanziare un’attività di importanza cruciale, riconosciuta dal governo etiopico e sancita dalla Proclamazione n. 760 del 2012 che disciplina le procedure istituzionali e operative per la registrazione dei principali eventi vitali. La registrazione delle nascite rappresenta il primo passo verso il riconoscimento di un individuo in una società, permettendo di accedere ai servizi di base e offrendo protezione da abusi e violenze.

Alla firma dell’accordo hanno partecipato anche i direttori delle agenzie anagrafiche della regione Oromia, Demiss Gebre, e della regione SNNPR, Aberu Nemomsa, che hanno espresso il loro apprezzamento al supporto italiano rivolto al rafforzamento del sistema delle registrazioni civili nelle rispettive regioni.

Il secondo accordo, firmato dal Rappresentante Paese dell’UNFPA Faustin Yao, intende sostenere un’azione a tutela delle donne in quattro distretti del Wolayta e Hadiya, nella regione SNNPR. Dal 2008 la Cooperazione italiana sostiene la campagna mondiale per l’eliminazione delle Mutilazioni Genitali Femminili (FGM), insieme a  UNICEF e UNFPA, in 17 Paesi africani. L’Etiopia ha sancito il divieto di questa pratica nel 2004, riconoscendola come gravemente lesiva dei diritti delle donne e delle bambine.

Il progetto UNFPA intende da un lato migliorare le condizioni di vita delle donne che appartengono alle fasce più deboli e maggiormente esposte ai fenomeni di povertà, discriminazione e flussi migratori e, dall’altro, contribuire all’eliminazione delle mutilazioni genitali femminili e dei matrimoni precoci entro il 2025. L’iniziativa, infatti, mira a rafforzare le capacità di autodeterminazione delle donne particolarmente vulnerabili, quali le donne capofamiglia in ambito rurale o le ragazze in situazioni economiche disagiate o a rischio di matrimonio precoce, migliorando la capacità di determinare la proprie scelte a livello sociale ed economico. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts