Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Diritti Umani: ONU, 2016 “anno disastroso”, Italia rinnova impegno per difenderli

ROMA, 10 DICEMBRE – 68 anni dopo l’adozione della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il 10 dicembre del 1948, quei diritti umani che vengono rivendicati sulla carta sono lungi dall’essere rispettati, in molte parti del mondo. “Il 2016 è stato un anno disastroso per i diritti umani nel mondo e la pressione senza precedenti sugli standard internazionali dei diritti umani rischia azzerare l’insieme unico di protezioni messe in atto dopo la seconda guerra mondiale“, ha detto Zeid Ràad Al Hussein, alto commissario Onu per i diritti umani.

Il commissario ha evocato i terribili momenti che hanno contraddistinto questo 2016: le pressioni sulle libertà individuali in Turchia, le continue guerre in Siria, i drammi del Mediterraneo, le continue violazioni dei diritti fondamentali in Marocco, Uganda, e molti altri paesi dove l’omosessualità è un reato punito col carcere o con la morte. Ma anche l’impossibilità di accesso a beni di prima necessità come acqua e cibo in moti stati del Terzo Mondo.

L’Italia si associa alla giornata internazionale, “forte del proprio impegno sul tema e nella convinzione che il rispetto e la promozione dei diritti umani sono le condizioni necessarie per tutelare e valorizzare la dignità di ogni individuo, ovunque e in ogni circostanza, e per conseguire una maggiore stabilità internazionale”, afferma la Farnesina in una nota sul suo sito online.

Il tema della Giornata internazionale di quest’anno, “Stand up for someone’s rights today”,  ricorda come la promozione del rispetto dei diritti umani sia responsabilità delle istituzioni, anche sul piano internazionale, e come allo stesso tempo essa necessiti, per essere veramente efficace, del coinvolgimento attivo di ogni persona nella società. In questo senso, i difensori dei diritti umani svolgono, in ogni parte del mondo, un ruolo importante per favorire un’attenzione crescente sulle violazioni e abusi dei diritti umani.

Come parte della celebrazione per la Giornata internazionale dei diritti umani, la Farnesina presenterà il 15 dicembre p.v. l’Annuario Italiano dei Diritti Umani. L’evento, organizzato dal Comitato Interministeriale per i Diritti Umani (CIDU), in collaborazione con il Centro di Ateneo per i Diritti Umani dell’Università degli Studi di Padova, è inserito nell’ambito della campagna di sensibilizzazione dell’Unione Europea sul tema dei diritti umani “EU4HumanRights”. twitter

A Montecitorio, la Presidente della Camera Laura Boldrini, ha osservato che “la Dichiarazione universale dei diritti umani è in vigore da 68 anni, ma per troppe persone nel mondo essa è ancora solo un proclama astratto, privo di efficacia nelle loro esistenze. Penso a quanti sono costretti a vivere in Paesi non democratici che non rispettano le più elementari libertà. Ma penso anche a tutti coloro che – pure in Paesi democratici e avanzati – vivono in condizioni di povertà, di esclusione sociale e discriminazione e sono così privati della loro stessa dignità. Ai milioni di rifugiati costretti a lasciare i loro Paesi a causa di guerre, violenze e ingiustizie, spesso rischiando la vita”.

La giornata di oggi, che ricorda l’anniversario della promulgazione da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, chiama dunque a rafforzare l’impegno per la promozione e la tutela dei diritti umani in ogni parte del mondo. “È una sfida che vale anche per l’Europa, ai cui confini ci sono conflitti, instabilità e crisi che producono fenomeni di difficile gestione, come gli ingenti flussi di rifugiati e la recrudescenza del terrorismo”, ha detto la Boldrini: “Ma sarebbe un paradosso sospendere i diritti per tutelarli. Sono infatti proprio questi diritti, questo sistema di tutele, ad essere oggi sotto attacco. E’ solo difendendoli, e garantendo le libertà a tutti coloro che vivono in Europa, che sapremo vincere le sfide globali che ci attendono”. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts