Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Corno d’Africa nella morsa della siccità e della carestia, 14 milioni di persone a rischio

Appello di Save the Children per i paesi senza acqua nè cibo

Corno d'Africa

ROMA,  10 FEBBRAIO – L’organizzazione Save The Children lancia un nuovo appello per fare fronte all’emergenza siccità che sta devastando il Corno d’Africa, dove oltre 14 milioni di persone hanno urgente bisogno di assistenza alimentare. La Somalia, afferma l’ong,  è già sull’orlo di una carestia che diventerà una possibilità concreta se il governo e la comunità umanitaria  internazionale falliranno nel dare una risposta a questa emergenza.Corno d'Africa
Al momento, la più grande preoccupazione è per i bambini che rischiano di perdere la vita se non si agirà per prevenire la carestia. Già nel 2011, durante un periodo di grave siccità, la comunità internazionale non si è mossa in tempo e più di 250.000 persone in Somalia hanno perso la vita. Le testimonianze della comunità locale e del nostro staff nel Paese parlano di una situazione che potrebbe causare più vittime del 2011.
La Somalia non è l’unico paese del Corno d’Africa a dover affrontare la siccità: Etiopia e Corno d'AfricaKenya stanno affrontando conseguenze simili sulla nutrizione, la salute, l’istruzione. Nelle aree della regione maggiormente colpite, i pastori si stanno spostando con le proprie famiglie e con gli animali in cerca di acqua e, in sole due settimane, più di 100.000 famiglie etiopi si sono spostate in nuove zone della regione in cerca di assistenza.
In Etiopia, uno staff  di Save the Children a Dollo Ado, un campo rifugiati al confine con la Somalia, sta già fornendo ai bambini protezione e servizi di educazione.
”Stiamo inoltre portando acqua alle comunità colpite e distribuendo buoni per permettere alle famiglie di acquistare cibo – afferma l’organizzazione – Le nostre cliniche mobili stanno fornendo supporto nutrizionale e i nostri team stanno facendo il possibile per proteggere i più piccoli ed evitare che abbandonino la scuola”.

(@novellatop,  10 febbraio  2017)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts