Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Cooperazione 2.0: Lia Quartapelle a Vita, 2017 punto di svolta, Italia pronta a sfide

ROMA, 11 FEBBRAIO – “La cooperazione italiana allo sviluppo ha un grande ruolo da giocare. Il 2017 segnerà un punto di svolta dopo un anno di transizione”. Così Lia Quartapelle, capogruppo per il Partito Democratico nella Commissione Esteri della Camera dei Deputati. In una intervista a Vita.it, l’ispiratrice e grande contributrice della Legge 125 e dell’Africa Act affronta tutte le sfide che attendono la cooperazione italiana nel nuovo anno.

Innanzitutto un bilancio: nei due anni e mezzo dall’adozione della riforma della cooperazione, “il passo più positivo è stata la nomina di Laura Frigenti come direttore dell’Agenzia, consentendo all’Aics di iniziare a lavorare nei tempi previsti dalla Legge 125. Con le risorse supplementari che abbiamo stanziato nella Legge di Bilancio, la sistemazione di alcuni meccanismi che definiscono il ruolo di Cassa Depositi e Prestiti sul fronte delle garanzie, i bandi avviati dall’Aics, nonché il concorso per assumere nuovo personale nell’Agenzia, posso dire che il 2017 sarà l’anno in cui la macchina del sistema italiano della cooperazione allo sviluppo andrà a pieno regime. Del resto ce lo impone l’agenda internazionale: tra la presidenza di turno del G7, il Consiglio di sicurezza dell’Onu dove il nostro paese occupa un seggio non permamente, le emergenze Libia, Siria, Corno d’Africa, migrazioni, l’Italia deve poter rispondere presente con una cooperazione efficiente”.

Quartapelle e’ una deputata tra le più influenti nel riassetto strategico dei rapporti tra l’Italia e l’Africa. A lei si deve l’Africa Act, un pacchetto di misure presentato dal Partito Democratico alla Camera nel luglio 2016 per rilanciare le relazioni con il continente africano e rafforzare la presenza italiana nel continente africano in una logica di co-sviluppo, dal quale è poi nato il Fondo Africa recentemente approvato nella Legge di Bilancio 2017.

“Nel giro di pochi anni abbiamo intrapreso un percorso che ci ha consentito di riportare l’attenzione della politica italiana sull’Africa. E questo è di per sè un risultato molto positivo. Questo percorso si è in parte concretizzato con visite ufficiali ripetute sul continente africano di personalità di alto livello del nostro paese, a partire dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il nuovo approccio è stato poi reso operativo grazie agli strumenti che ci siamo dotati , l’ultimo dei quali è il Fondo Africa”, osserva Quartapelle secondo cui il decreto firmato dal ministro degli Esteri Angelino Alfano “va letto nel quadro di questo nuovo scenario in cui l’Italia sta scrivendo una nuova pagina delle sue relazioni con i paesi africani”.

Per leggere l’intervista di Lia Quartapelle a Vita, cliccare qui.

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts