Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

La Presidente della Camera scrive a Zuckerberg: Su Facebook troppo odio, da che parte state?

Boldrini

ROMA, 14 FEBBRAIO – ”Da che parte sta Facebook, in questa battaglia di civiltà?” La domanda è stata rivolta proprio a Mark Zuckerberg dalla Presidente della Camera Laura Boldrini. Dalle pagine de La Repubblica Boldrini ha chiesto al fondatore e amministratore delegato del social più popolare al mondo di prendere una posizione netta contro i discorsi di odio che sul network trovano ampio spazio di diffusione. ”Questo dev’essere per tutti il tempo della responsabilità: tanto maggiore quanto più grande è il potere di cui si dispone. E il suo è notevole. Lei ha affermato che ‘su Facebook non c’è spazio per l’odio’. Mi tocca dirle che, almeno in Italia, non è vero”: ha scritto Boldrini, che ha portato, a sostegno delle proprie parole, diversi esempi, da gruppi apertamente violenti e sessisti mai chiusi, alla ricerca dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, che ha catalogato 300 pagine social dove si esalta il fascismo.

Quello che chiede la Presidente è una seria e concreta assunzione di responsabilità, anche a fronte del codice di condotta contro ‘la diffusione dell’illecito incitamento all’odio in Europa, sottoscritto da Facebook nel maggio 2016 con la commissione Ue. ”La prima verifica semestrale dice che risulta cancellato appena il 28% dei contenuti segnalati come discriminatori o razzisti. Una media che si ricava dal 50% di Germania e Francia e dal misero

Hate

Mark Zuckerberg

4% italiano. Mi domando – chiede Boldrini – se questo dato allarmante lo dobbiamo anche all’assenza di un ufficio operativo di Facebook in Italia”.

La scarsa collaborazione che Facebook mostra con l’Italia nella lotta alla diffusione di discorsi di odio è stata segnalata proprio dalla Presidente Boldrini a Richard Allan, vicepresidente di Facebook per le politiche con il pubblico per l’area Europa-Medio Oriente-Africa, durante un incontro a Montecitorio. ”Ad Allan – scrive l’on. Boldrini – ho avanzato tre proposte. Due di natura tecnica. La terza riguarda l’apertura in Italia di un ufficio operativo per i 28 milioni di utenti che Facebook ha nel Paese. Le risposte giunte dopo due mesi sono evasive e generiche. A questo punto chiedo a lei, signor Zuckerberg: da che parte sta Facebook, in questa battaglia di civiltà?”

(@novellatop, 14 febbraio 2017)

 

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*