Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Della Vedova a conferenza disarmo: “spirito dialogo” spinge progressi

GINEVRA, 28 FEBBRAIO – A fronte di uno scenario preoccupante, tra i test balistici e nucleari effettuati dalla Corea del Nord e il rischio crescente che armi di distruzione di massa  cadano nelle mani di terroristi, il panorama internazionale del disarmo presenta  segnali positivi, ad esempio l’accordo raggiunto nel 2015 sul nucleare iraniano. “Sono segnali frutto di quell’approccio multilaterale fondato sul dialogo di cui l’Italia e’ da sempre portatrice e che ispira il nostro Paese anche nell’espletamento del mandato quale membro non permanente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU”, ha detto il Sottosegretario agli Esteri, Sen. Benedetto Della Vedova, intervenendo oggi al segmento di alto livello della Conferenza del Disarmo  in corso a Ginevra sotto la Presidenza di turno della Federazione Russia.

Della Vedova ha innanzitutto fatto stato della ferma determinazione italiana ad agire per rivitalizzare la Conferenza e per preservarne il ruolo nel quadro dell’architettura istituzionale del disarmo multilaterale. In quest’ottica, ha espresso soddisfazione per la recente adozione da parte della membership della decisione relativa all’istituzione del Gruppo di Lavoro sul “Way Ahead” al fine di trovare un terreno comune d’intesa per far ripartire i negoziati sui punti in agenda.

Il Sottosegretario ha poi ribadito la centralità del Trattato di Non Proliferazione (NPT) nei processi di disarmo e non proliferazione nucleare e la convinzione che l’obiettivo condiviso del “Global Zero” è perseguibile solo nel quadro di un approccio progressivo che non perda di vista anche le esigenze legate al mantenimento della stabilità e della sicurezza internazionali. Tale approccio si traduce nell’adozione di misure pratiche ed efficaci, nell’ambito delle quali assumono particolare rilevanza le decisioni assunte dall’Assemblea Generale in dicembre per la costituzione di un gruppo di esperti di alto livello in materia di negoziati sulla proibizione della produzione di materiale fissile a scopi bellici (FMCT) e sulle verifiche del disarmo nucleare.

Il Sottosegretario ha ricordato il costante impegno dell’Italia per la piena attuazione degli accordi internazionali di disarmo e controllo degli armamenti convenzionali e l’assistenza tecnica e finanziaria fornita agli Stati e alle popolazioni affetti dalla piaga delle mine, delle munizioni a grappolo e di ogni ordigno esplosivo. Tale impegno si concretizza anche nella presidenza del “Mine Action Support Group”, foro di coordinamento tra i maggiori donatori del settore per il biennio 2016-2017, assunto anche con l’obiettivo di accrescere l’efficacia degli interventi di sminamento umanitario attraverso il coordinamento tra tutti gli attori rilevanti. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*