Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

‘Seeking Refuge’: Sant’Egidio parla di immigrazione all’università americana di Princeton

Princeton

PRINCETON, 7 MARZO – Centinaia di persone hanno partecipato al convegno Seeking Refuge (“In cerca di rifugio”), organizzato dalla Comunità di

Princeton

Si ricordano gli scomparsi

Sant’Egidio all’Università di Princeton.  Nei loro interventi, esperti delle migrazioni e gli stessi rifugiati hanno sottolineato che solo con un maggiore impegno nella solidarietà è possibile affrontare efficacemente la crisi umanitaria dei profughi.

Secondo dati dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) nel mondo vi sono attualmente almeno 21,3 milioni di profughi e 65,3 milioni di persone costrette a fuggire dai loro paesi: come dire che una persona su 113 sul nostro pianeta è un rifugiato.

Quest’anno la Comunità di Sant’Egidio ha lanciato il progetto pilota dei corridoi umanitari  che ha garantito sinora a molte famiglie, in particolare profughi da Iraq e Siria, di ottenere visti per l’Italia dove sono stati loro offerti un rifugio sicuro e un’alternativa alla guerra e allo sfruttamento dei trafficanti di esseri umani.

Il convegno si è concluso con l’accensione di alcune candele in memoria di quanti hanno perso la vita nei viaggi della speranza. Un momento di raccoglimento che vuole essere una chiamata a un’azione alternativa ai muri e alla paura.

(@novellatop,  7 marzo 2017)

 

 

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*