Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Carestia in Yemen, Sud Sudan, Nigeria e Somalia: dalla Cooperazione aiuti per 10 milioni

Carestia

ROMA, 24 MARZO – Un pacchetto di aiuti umanitari dell’importo di 10 milioni di euro in risposta alla gravissima carestia alimentare che sta mettendo a rischio la sopravvivenza di 20 milioni di persone in Yemen, Sud Sudan, Nigeria e Somalia, fra cui 1,4 milioni di bambini di età inferiore ai 5 anni con problemi di acuta malnutrizione, è stato stanziato dalla Cooperazione Italiana ”accogliento l’appello del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres”.

Carestia

Angelino Alfano

E’ quanto ha annunciato il ministro degli Esteri e della Cooperazione Angelino Alfano, specificando che l’attuazione degli interventi in questione verrà affidata ”alle Agenzie dell’ONU in prima linea nell’immane sforzo umanitario in corso, in particolare il Programma Alimentare Mondiale (PAM) ed UNICEF, nonché al Comitato della Croce Rossa Internazionale”.

L’intervento italiano consentirà di finanziare – con 3 milioni di euro – la realizzazione da parte del PAM e di UNICEF di operazioni di distribuzione di razioni alimentari e di acqua negli Stati del Nord-Est della Nigeria, con un’attenzione particolare ai bambini e alle donne in stato di gravidanza. 2 milioni di euro saranno destinati alla Somalia per la distribuzione di viveri e interventi di assistenza medica, affidati rispettivamente al PAM ed alla Croce Rossa Internazionale nelle aree più colpite dalla siccità.

CarestiaAnche in Sud Sudan, la Cooperazione Italiana collaborerà con PAM ed UNICEF mettendo a disposizione 2 milioni di euro per finanziare un programma di mense scolastiche e per contrastare l’acuta malnutrizione infantile. 3 milioni di euro saranno infine destinati allo Yemen per attività di distribuzione di cibo da parte del PAM e per assicurare assistenza nel settore della salute e supporto agli ospedali, in collaborazione con la Mezza Luna Rossa yemenita.

”Le somme messe in campo – ha concluso il ministro Alfano – non esauriscono il nostro impegno umanitario nei Paesi in questione; presto metteremo infatti a disposizione ulteriori risorse per finanziare altre attività di primissima emergenza, la cui realizzazione verrà affidata alle organizzazioni della società civile italiana”.

(@novellatop,  24 marzo  2017)

 

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. L’Onu e le bombe italiane sganciate sullo Yemen

Comments are closed.