Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Merkel incontra Sant’Egidio: “Complimenti a Italia per corridoi umanitari”

BERLINO, 25 APRILE – Complimenti alla Comunità di Sant’Egidio e all’Italia per i “corridoi umanitari”: se ne e’ parlato nel corso di un lungo colloquio all’insegna del futuro dell’Europa tra la Cancelliere tedesca Angela Merkel e il fondatore della “piccola Onu” di Trastevere, Andrea Riccardi.

Non  era la prima volta che la Merkel incontrava Riccardi. Stavolta, oltre al tema dei giovani, oltre all’Africa, c’e’ stato in agenda anche il “giubbotto di salvataggio” offerto dall’iniziativa lanciata dalla comunità trasteverina insieme alle Chiese protestanti in Italia che finora hanno permesso di far sbarcare a Fiumicino 800 profughi siriani. Sia per la Merkel che per Riccardi, personalità entrambe insignite in passato del prestigioso Premio Carlo Magno, il fenomeno dell’immigrazione deve essere affrontato con politiche che sappiano coniugare umanità e sicurezza. Umanità e sicurezza per le famiglie  siriane arrivate in Italia in aereo anziché sui barconi a rischio della vita, ma anche per i cittadini europei, grazie ai controlli che vengono effettuati in partenza.

I corridoi, si e’ detto insomma, sono un modello possibile per l’Europa, tanto e’ vero che il mese scorso un protocollo analogo e’ stato adottato anche in Francia.

La Comunità di Sant’Egidio, dai tempi dell’accordo sul Mozambico, lavora per la riconciliazione e la costruzione della pace in diverse regioni del mondo. Con Riccardi e con Marco Impagliazzo, il presidente della ong romana, la Merkel ha parlato anche di cooperazione internazionale nei Paesi africani più in difficoltà, in gran parte gli stessi da cui partono i migranti verso l’Europa.

L’Africa viene vista come “la nuova frontiera dell’Europa”, a cominciare dalla fascia del Sahel, commenta San’Egidio in una nota sul suo sito web. La cooperazione deve impegnarsi a sostenere la costruzione delle società civili africane perché puntino a creare occupazione e sviluppo. E’ necessario allargare le possibilità di emancipazione dalla povertà e dalla marginalità di larghe fasce della popolazione. In questo campo, si è messa in evidenza la funzione strategica di programmi come quello avviato da Sant’Egidio per la registrazione anagrafica in Africa (“BRAVO”), in particolare in Burkina Faso dove sono usciti dall’”invisibilità” oltre tre milioni e mezzo di persone, in gran parte minori. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts