Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Scuola Sant’Anna a Yaounde per formare diplomatici CAR e Cameroon

YAOUNDE, 8 MAGGIO – Ha preso il via oggi la seconda fase del progetto di formazione promosso dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa a favore dei diplomatici della Repubblica Centrafricana, per portare un nuovo contributo alla ricostruzione istituzionale del paese, teatro dal 2012 di un complesso conflitto e di una grave crisi umanitaria. Dopo aver coinvolto sei diplomatici senior della Repubblica centrafricana che hanno seguito un corso di alta formazione alla Scuola Superiore Sant’Anna, a febbraio 2017, le lezioni si sono spostate a Yaoundé, per la seconda parte del progetto, che coinciderà con un corso di due mesi, a partire da oggi presso l’IRIC (Istituto per le Relazioni Internazionali del Camerun), noto ente a vocazione regionale, che coopera da anni con la Scuola Superiore Sant’Anna.

Il corso nasce da un’esplicita richiesta delle Autorità centrafricane che guardano con forte interesse all’Europa e all’Italia per ricostituire il tessuto civile del Paese. L’iniziativa, lanciata dal viceministro agli Affari Esteri e alla Cooperazione internazionale Mario Giro in occasione della sua visita a Bangui nell’ottobre del 2016, risponde allo spirito e ai seguiti della Conferenza di Bruxelles e dell’impegno assunto dall’Italia per la stabilizzazione e la ricostruzione del Centrafrica. La nuova iniziativa di alta formazione ha individuato quindici diplomatici della Repubblica Centrafricana, che saranno affiancati da alcuni diplomatici camerunesi. L’obiettivo di medio termine è contribuire a riformare e a rafforzare le capacità della diplomazia e della nuova classe dirigente della Repubblica Centrafricana.

Le lezioni forniranno le conoscenze e le competenze necessarie per consentire di adempiere il mandato di agenti diplomatici e di rappresentare al meglio gli interessi dei rispettivi paesi a livello regionale e internazionale. La presenza di diplomatici della Repubblica Centrafricana e del Camerun garantirà inoltre un efficace scambio di buone pratiche e di esperienze, rafforzando anche le basi per una cooperazione e integrazione regionale. “La ricostruzione dell’ ‘uomo’ e delle capacità umane rappresenta un passo necessario e imprescindibile per una reale ricostruzione del Paese, che ha perso negli anni del conflitto le basi stesse delle sue istituzioni”, ha detto l’ambasciatrice d’Italia in Camerun e in Repubblica Centrafricana, Samuela Isopi.

Andrea de Guttry

Il corso, aperto da Andrea de Guttry, ordinario di diritto pubblico internazionale e direttore dell’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola Superiore Sant’Anna, sarà tenuto da docenti di università italiane e dell’IRIC, da funzionari diplomatici delle Ambasciate in Camerun, da componenti del corpo diplomatico camerunense, da funzionari di organizzazioni internazionali basati a Yaoundé. Parteciperanno come docenti anche diplomatici senior della Repubblica Centrafricana che hanno partecipato al corso tenuto in Italia, alla Scuola Superiore Sant’Anna, a febbraio 2017. Questo mix di docenti garantisce la sostenibilità del progetto e sottolinea l’importanza della cooperazione sud-sud, attraverso l’assistenza tecnica della Scuola Superiore Sant’Anna.

“Questo progetto pilota – commenta de Guttry – voluto e finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, DG Mondializzazione e Questioni globali, implementato grazie al prezioso supporto dell’Ambasciata italiana a Yaoundé, sancisce l’impegno della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Italia nel dare un contributo alla rinascita di un corpo dirigente della martoriata Repubblica Centrafricana. Ancora una volta – sottolinea il professore – la Scuola Superiore Sant’Anna viene chiamata a operare in prima fila , in un contesto africano assai difficile, nella convinzione che la formazione delle risorse umane locali sia uno degli strumenti per la riconciliazione e per lo sviluppo del Paese”. (@OnuItalia)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*