Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Alfano dai caschi blu italiani in Libano: ”Per voi i complimenti più convinti e commossi”

Libano Alfano si rivolge ai soldati

SHAMA, 19 MAGGIO –  La visita del ministro degli esteri italiani Angelino Alfano in Libano  si è conclusa con l’incontro con il contingente italiano dell’Unifil nella base di Shama, dispiegato nel Sud del Pae

Libano

I saluti dei comandanti

se al confine con Israele.

Libano

Alfano all’arrivo

Inizialmente accolto dal comandante della Joint Task Force-Lebanon, generale Francesco Olla, e dal comandante della MIBIL, (la Missione Bilaterale Italiana in Libano) colonnello Salvatore Paolo Radizza, Alfano ha visto i militari del contingente, appartenenti alla Brigata Granatieri di Sardegna.

Ricordato i buoni rapporti politici ed economici con il Libano, che vedono l’Italia come primo esportatore nell’Unione europea, per un valore di 1,4 miliardi di dollari nel 2016, Alfano ha detto che ”i complimenti più convinti, direi quasi con accenti commossi li ho sentiti per voi, che con la vostra presenza garantite la pace, la sicurezza e la libertà del Libano”. “L’Italia – ha inoltre scritto Alfano in un testo pubblicato sul suo blog – è presente con le proprie divise in Libano da anni lontani: siamo presenti nel sud e abbiamo qui la nostra forza di maggiore pregio che dà un contributo importante all’addestramento delle loro forze armate, oggi molto qualificate”.

Libano

Alfano si rivolge ai soldati

La missione UNIFIL, sotto egida della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite n.1701, annovera, tra i suoi compiti principali, la cessazione delle ostilità attraverso un costante monitoraggio della Blue Line; il supporto alla popolazione locale, attraverso la funzione operativa di Cooperazione Civile-Militare (CIMIC); il supporto da parte del contingente internazionale alle forze armate libanesi  dislocate nel Libano del Sud, attraverso il coordinamento, la pianificazione e l’esecuzione di attività addestrative e operative congiunte.

La Missione MIBIL, invece, presente in teatro operativo dal 25 febbraio 2015, ha lo scopo di coordinare e sviluppare – sia in Italia sia in Libano – le attività formative e addestrative a favore delle forze armate libanesi allo scopo di migliorare le loro capacità operative per l’assolvimento dei molteplici compiti istituzionali assegnati.

(@novellatop, 19 maggio 2017)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts