Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Per non dimenticare: Unhcr e Google aprono il portale ‘Searching for Syria’

Siria

ROMA, 29 MAGGIO – Non dimenticare una guerra civile che è giunta al suo sesto anno, rispondere alle domande che la tragedia siriana impone, spiegare una situazione che spesso è oscura e raccontata solo dall’esterno o dalle voci dei profughi. Dalla collaborazione tra Google e Unhcr, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Siriarifugiati, è nato il sito Searching for Syria, un portale dove viene spiegata in modo semplice, attraverso brevi frasi, dati e dichiarazioni, la situazione attuale dello stato siriano e della sua popolazione, spesso costretta alla fuga. Un percorso che si sviluppa tramite alcune questioni specifiche.

”Com’era la Siria prima della guerra? Dove si dirigono i rifugiati siriani? Come posso aiutarli?”: sono tre dei cinque capitoli in cui è suddiviso il sito che può essere navigato attraverso i numerosi contenuti multimediali. Mappe, foto, video, anche a 360 gradi e realizzati da droni, servono a dare un visione più completa possibile al lettore interessato.

SiriaGoogle ha messo a disposizione questi materiali, mentre l’Unhcr ha fornito la maggior parte dei dati e delle storie personali raccontate sul portale. L’obiettivo principale di Searching for Syria rimane quello di rendere consapevoli le persone di quanto sta accadendo nel paese mediorientale, chiedendo supporto sia in termini economici che come diffusione delle informazioni. Il sito Web è accessibile da qualsiasi dispositivo: smartphone, tablet, computer desktop o laptop e cerca Siriadavvero di spiegare cosa sta accadendo nel paese mediorientale, quali sono le conseguenza della guerra civile iniziata ormai sei anni fa e che fino ad oggi ha spinto oltre cinque milioni di persone a lasciare le proprie abitazioni e cercare altrove una nuova speranza per il futuro.

L’iniziativa è in linea con quella messa in campo nel 2015 da bigG e finalizzata proprio al supporto di rifugiati e migranti, con oltre 20 milioni di dollari distribuiti a diverse organizzazioni.

(@novellatop, 29 maggio 2017)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*