Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Ideas box, in una scatola Intersos dona un sogno a chi ha perso tutto

In Libano e Sud Sudan un esperimento di 'istruzione in emergenza'

Ideas box

BEIRUT, 1 GIUGNO – IDEAS BOX è una grande scatola componibile dai colori vivaci, che offre contenuti educativi e di intrattenimento fatti per stimolare la creatività fornendo strumenti utili per produrre nuovi contenuti. L’ong Intersos ha voluto rispondere così alla domanda su come donare un sogno a chi ha perso tutto.

Ideas box

In Africa

Nata per iniziativa dell’organizzazione Bibliothèques sans frontières, la ‘scatola delle meraviglie’ risponde al bisogno dei rifugiati e delle popolazioni vulnerabili in tutto il mondo di accedere all’educazione, all’informazione e alla formazione e viene utilizzata in questo periodo nei Community Centers in Libano.
Intersos cita stime inquietanti: un profugo passa mediamente 17 anni in un campo per rifugiati. Lontano da casa, lontano dalla propria cultura e spesso dai propri familiari, senza accesso alle informazioni e con poco o niente da fare, se non aspettare e sperare che nel proprio paese d’origine torni la pace. E’ questa la vita di più di 50 milioni di sfollati e rifugiati fuggiti da guerre o catastrofi naturali.
La ong, attraverso i propri progetti umanitari, garantisce a queste persone i bisogni primari, come acqua, cibo, riparo e assistenza medica ma non solo: attraverso i progetti di ‘education in emergency’ Intersos offre a migliaia di bambini la possibilità di continuare a sviluppare le proprie capacità, di continuare il proprio percorso di crescita per costruire il loro futuro.
La ricostruzione è possibile grazie a strumenti come l’Ideas box. La sua originalità dipende dalla suo carattere mobile, versatile e tecnologico: questa semplice scatola nasconde un centro multimediale standardizzato, facile da trasportare, con un suo generatore di energia. I suoi contenuti e i materiali sono adattati ai diversi bisogni, culture e lingue delle popolazioni. La sfida è assicurare l’accesso all’informazione, alla cultura e all’educazione soprattutto ai bambini, ma anche agli adulti, in luoghi in cui difficilmente esiste una connessione ad internet, si hanno a disposizione dei computer o altri dispositive elettronici per tenersi in contatto con il resto del mondo.Ideas box
La semplicità di utilizzo e le grandi possibilità che la scatola offre la rendono utile anche in contesti diversi, dal Sud Sudan al Libano.
Lavorare sul campo significa doversi adattare velocemente a contesti in rapido cambiamento, cercando di utilizzare strumenti flessibili a queste necessità, in modo da dare continuità alle attività in qualsiasi condizione: bastano solo 20 minuti e quattro persone per aprire i vari moduli dell’Idea Box e sistemarli in uno spazio di 30 metri quadri. Il mobilio è composto da tavoli, mensole, serie e supporti per utilizzare i computer, leggere i libri e guardare i film inclusi nella scatola. All’interno c’è anche lo spazio per cavi, teloni, tappetini e il generatore di corrente, che fornisce energia a tutta l’attrezzatura. I materiali rispettano criteri di peso, sicurezza, resistenza alle temperature e trasporto.Ideas box
Grazie ad una semplice scatola, INTERSOS riesce a realizzare uno spazio educativo,ricreativo e creativo, un angolo di serenità nel mezzo di tanta confusione. Le attività di questo tipo sono definite di ‘educazione informale’: non si sostituiscono alla scuola, ma integrano il lavoro proposto nei centri comunitari di INTERSOS, con percorsi che vanno dall’alfabetizzazione alla formazione professionale.
L’obiettivo principale è quello di incoraggiare lo sviluppo intellettuale e il senso di comunità e condivisione portando a un miglioramento individuale e collettivo aiutando bambini ed adulti a superare i traumi subiti, e sviluppare la propria resilienza. I risultati raggiunti finora nei centri in Libano superano le aspettative: i giovani e i bambini hanno partecipato numerosi, attivamente e con curiosità alle attività proposte, come laboratori teatrali e cinematografici, giochi di ruolo, corsi di scrittura, di fotografia e di informatica, arricchiti grazie all’utilizzo dell’Idea Box.
”Con una semplice scatola abbiamo aiutato tante persone a ritrovare i propri sogni’, dicono ad Intersos.

(@novellatop, 1 giugno  2017)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts