Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Salvador: Convegno internazionale su progetto vulcani

SAN SALVADOR, 7 GIUGNO – Per la prima volta in Salvador, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, é stato inaugurato il 5 giugno il XIII Congresso geologico 2017, con la partecipazione di geologi, vulcanologi, sismologi e archeologi provenienti da tutto il mondo per condividere le loro conoscenze e scambiare le loro esperienze con gli studenti, i docenti e gli esperti nazionali e internazionali.

Per una settimana, dal 5 al 9 giugno nell’universitá José Simeón Cañas (UCA), hanno avuto luogo sette lezioni magistrali e quattro aule tematiche dove i ricercatori nazionali ed internazionali hanno presentato una vasta gamma di lavori e innovazioni tecnologiche su vulcanologia, geologia, idrogeologia, geotermia, mappe di pericolosità, sismologia, frane e archeologia. Il Congresso si svolge nell’ambito del 100° anniversario della eruzione del San Salvador, inaugurando così anche la mostra temporanea Centenario dell’ultima grande eruzione del vulcano di San Salvador 1917-2017, a carico dell’archeologo Roberto Gallardo.

Le quattro aule tematiche sono state denominate: Boqueron, il cui oggetto centrale é la vulcanologia;  Guaycume, dove si parlerà di sismologia;  El Playon, dedicato a frane, smottamenti e geotecnica; Joya de Ceren, dedicato alla idrogeologia, monitoraggio dell’energia geotermica e altre questioni.

Per l’ultimo giorno del congresso, i partecipanti hanno avuto la possibilità’ di scegliere tra visitare due destinazioni: il vulcano San Salvador, dove si puó anche visitare il cratere, e il sito archeologico la Joya de Ceren. L’altra destinazione è il campo di impianto geotermico in Ahuachapán LaGeo, in modo da poter conoscere il processo di generazione dell’energia geotermica.

L’evento è stato inaugurato dalla Ministra dell’Ambiente e delle Risorse Naturali (MARN), Lina Pohl; il direttore del Museo Nazionale di Antropologia (MUNA), Jose Heriberto Cruz Erquicia; e il rettore della UCA, Andreu Oliva de l’Esperanza; contando inoltre  con la presenza di rappresentanti dell’Agenzia Cooperazione Italiana allo Sviluppo, la Nuova Commissione Nazionale sulla Scienza e la Tecnologia (NCONACYT), l’International Cooperation Agency of Japan – JICA, il Ministero del Turismo (Mitur) e del Ministero della Cultura.

Durante il Congresso Geologico XIII il Martedì, 6 giugno, il Prof. Giuseppe Giunta dell’Università di Palermo ha tenuto una lectio magistralis dal titolo “L’evoluzione geodinamica della placca dei Caraibi e rischi naturali“. La lezione del professore si è concentrata sulla descrizione della placca dei Caraibi da tre punti di vista: il passato, presente e futuro. Secondo il professor Giunta non si possono studiare i pericoli naturali senza avere una conoscenza del contesto geologico da una prospettiva storiaca, di una regione. Lo studio geologico e la geodinamica sono estremamente importanti, è quindi fondamentale per conoscere il passato e il presente geologico in una regione e per interpretare la possibilità di un futuro fenomeno sismico. Questo non significa fare delle previsioni certe dei fenomeni naturali, piuttosto pensare possibili scenari di rischio.

Giunta ha descritto il progetto RIESCA finanziato dalla Cooperazione Italiana e realizzato dall’Università degli Studi di Palermo in collaborazione con il MARN (Ministero dell’Ambiente), l’Universitá de El Salvador. Grazie alla competenza italiana riconosciuta nel campo della ricerca geologica, l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) sostiene diversi progetti in America centrale, con particolare attenzione alla formazione sulla prevenzione e gestione dei disastri e l’impatto dei fenomeni naturali (terremoti, eruzioni vulcaniche, frane e inondazioni) in un territorio fragile dal punto di vista socio-economico e fisico.

Il nuovo progetto RIESCA è una continuazione del precedente progetto “pericoli naturali” iniziato nel 2015 e si propone di continuare la formazione già formato con il precedente progetto e specializzare tecnici di agenzie governative nel campo della sorveglianza, monitoraggio processo di potenziali pericoli, di origine vulcanica, sismica e geomorfologico. Essa mira inoltre a sviluppare scenari di rischio, e la preparazione di operatori di protezione civile nella valutazione delle informazioni tecniche per la prevenzione e gestione dei rischi identificati. Al termine della conferenza, il capo di Meccanica Strutturale del Dipartimento della UCA, Patricia Hasbun, ha dato il riconoscimento al Prof. Giunta per il suo lavoro nel campo della geologia in El Salvador.

Il Congresso conta con il patrocinio dell’Agenzia Cooperazione Italiana allo Sviluppo, la Nuova Commissione Nazionale sulla Scienza e la Tecnologia (NCONACYT), LaGeo, International Cooperation Agency of Japan – JICA, ed il Ministero del Turismo (Mitur). (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts