Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Opera di difesa veneziane all’esame in luglio della Commissione World Heritage UNESCO

PARIGI, 15 GIUGNO – Le “Opere di difesa veneziane tra il XV e il XVII secolo” saranno al vaglio nella prossima sessione della Commissione per il Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Le riunioni in cui saranno esaminate 35 proposte sono in programma a Cracovia dal 2 al 12 luglio.

Le più significative realizzazioni militari della Repubblica di Venezia, nel dominio sia di terra che in quello di mare, si trovano in Italia, Croazia e Montenegro. La proposta di inserirle nell’ambito dei World Heritage Sites si colloca nel quadro delle candidature transnazionali.

Il complesso sistema difensivo che aspira a far parte del patrimoni delle Nazioni Unite è inserito in un vasto territorio, anticamente presieduto dalla Repubblica di Venezia, che attraversa Lombardia e Veneto, procedendo per oltre mille chilometri verso la costa adriatica fino al Montenegro. Tra Bergamo e la Baia di Ktor svettano le testimonianze dello Stato di Terra e dello Stato di Mare, espressione del potere e degli scambi culturali della Serenissima con il resto del mondo. Le strutture architettoniche furono concepite come una vera e propria rete in cui ogni elemento aveva un preciso ruolo all’interno di un progetto unitario, e sono oggi considerate un grande esempio di fortificazione “alla moderna”.

Il sito comprenderà sistemi di fortificazioni come Bergamo, forti quali Sant’Andrea a Venezia, e città fortificate pianificate ex novo tra cui Palmanova, o basate sulla ricostruzione di strutture esistenti come Peschiera del Garda.  Proseguendo oltre i confini italiani, saranno considerate anche le mura di Zara, Sebenico con la Fortezza di San Nicola e i bastioni di Curzola in Croazia, oltre al Golfo di Cattaro (Ktor) e con essa Castelnuovo in Montenegro. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*