Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Tensioni in Libia, il ministro Alfano incontrerà Salamé

Ghassan Salamé

ROMA- Mentre crescono le tensioni nelle acque libiche, con l’arrivo di due unità navali italiane e le dichiarazioni minacciose del generale Khaliha Haftar, la Farnesina ha annunciato un incontro

a Roma tra il ministro degli esteri Angelino Alfano e Ghassan Salamé, l’ex-premier libanese che è stato recentemente da Antonio Guterres come suo rappresentante speciale per la Libia, al posto del tedesco Martin Kobler.

Al centro dei colloqui, che si terrano martedì 8 agosto, vari aspetti della crisi libica: il problema dei migranti e dei salvataggi in mare; le prospettive del paese nord-africano dopo gli accordi di Parigi tra il presidente libico Fayez al-

Angelino Alfano

Serraj e il generale Haftar, raggiunti con la mediazione di Emanuel Macron; gli impegni di aiuto politico ed economico da parte dell’Italia; e da ultimo l’atteggiamento aggressivo di Haftar.

Il generale,  che controlla militarmente l’Est della Libia e di fatto il parlamento di Tobruk, ha infatti ordinato alle basi navali di Tobruk, Benghazi, Ras Lanuf e Tripoli di opporsi “a ogni unità navale che entra nelle acque territoriali libiche senza il permesso dell’esercito. E’ chiaro il riferimento alla missione della marina italiana approvata dal Parlamento e in corso di svolgimento.

al-Serray e Haftar

Anche se gli analisti militari ritengono poco probabile un attacco diretto delle forze di Haftar contro i mezzi italiani, la vicenda desta sempre più preoccupazioni.

Quella di Salamé in Europa è la prima visita da quando ha assunto la sua nuova funzione e ha una particolare rilevanza perché è il primo appuntamento dopo gli incontri avuti a Tripoli. Sarà dunque l’occasione per una valutazione approfondita dell’attuale quadro complessivo della situazione in Libia e per rinnovare il sostegno dell’Italia alle Nazioni Unite per gli sforzi mirati alla stabilizzazione della Libia.

AZ, 3-8-2017

 

The following two tabs change content below.

Arturo Zampaglione è stato per quasi venti anni corrispondente da New York del quotidiano La Repubblica, per il quale continua a collaborare. Ha studiato a Roma e a Boston, dove ha preso un Master in affari internazionale alla Fletcher School of Law and Diplomacy. Nel 2003-2004 ha insegnato giornalismo internazionale alla New York University. Ha curato la pubblicazione del libro-intervista “La mutazione antiegualitaria” (Editori Laterza).

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Arturo Zampaglione

Arturo Zampaglione è stato per quasi venti anni corrispondente da New York del quotidiano La Repubblica, per il quale continua a collaborare. Ha studiato a Roma e a Boston, dove ha preso un Master in affari internazionale alla Fletcher School of Law and Diplomacy. Nel 2003-2004 ha insegnato giornalismo internazionale alla New York University. Ha curato la pubblicazione del libro-intervista “La mutazione antiegualitaria” (Editori Laterza). Contact: Website | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*