Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Tratta degli schiavi, un tweet del Papa per la Giornata internazionale di commemorazione

ROMA, 24 AGOSTO – Si è celebrata ieri in tutto il mondo la Giornata internazionale di commemorazione della tratta degli schiavi e della sua abolizione, che ricorda uno dei drammi che hanno insanguinato una gran parte del mondo nei secoli scorsi.

In occasione della commemorazione, Papa Francesco ha lanciato un tweet sull’account @Pontifex in nove lingue: ”Il Signore è vicino a quanti sono vittime di antiche e nuove schiavitù: lavori disumani, traffici illeciti, sfruttamento”, perchè la schiavitù esiste ancora.Papa Francesco

La data è stata scelta in ricordo della notte tra il 22 e il 23 agosto 1791, quando, a Santo Domingo, iniziarono le rivolte, al comando di Toussaint Louverture, il primo generale nero della storia, che aprirono la strada verso l’abolizione della tratta atlantica degli schiavi.
Già nel 1994, le Nazioni Unite avevano creato il progetto The Slave Route per favorire progetti e creare consapevolezza intorno a questa tematica.

Un momento importantissimo è stato il riconoscimento della tratta e della schiavitù quali crimini contro l’umanità nella Dichiarazione di Durban del 2001, descritte come ”tragedie terribili nella storia dell’umanità, non solo in forza della loro abominevole barbarie, ma anche della loro estensione, natura organizzata, e specialmente nella negazione alle vittime della loro essenza…”.

(@novellatop, 24 agosto 2017)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*