Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migliaia di rifugiati del Sud Sudan in Uganda, la Fao chiede maggiore assistenza

Uganda

KAMPALA, 31 AGOSTO – La crisi dei rifugiati in Uganda si sta acuendo e il direttore generale della FAO, José Graziano da Silva, ha chiesto maggiori finanziamenti per fornire una risposta sostenibile. A conclusione della sua visita a insediamenti di rifugiati nel nord del paese, Da Silva ha inoltre riaffermato il sostegno della FAO al governo di Kampala nella sua umanitaria politica di asilo nell’ambito della quale ai rifugiati è assegnata terra per ospitarli e coltivare.

graziano da silva

graziano da silva

“Il modello di accoglienza dei rifugiati dell’Uganda è un esempio per tutto il mondo. È fondamentale mobilitare fondi in modo che i rifugiati possano presto produrre cibo per se stessi, piuttosto che dipendere dagli aiuti alimentari e per far sì che i rifugiati e le loro comunità ospitanti possano avere una vera opportunità per superare fame e povertà”, ha dichiarato Graziano da Silva e ha aggiunto: “L’Uganda sta dando non solo cibo e terra ma la speranza”.

Dal luglio dello scorso anno, più di un milione di profughi provenienti dal Sud-Sudan sono arrivati in Uganda. I rifugiati sono prevalentemente donne e giovani e provengono da comunità agricole e pastorali. Graziano da Silva ha visitato due insediamenti di rifugiati, Agojo e Mungula 1, nel distretto di Adjumani, vicino al confine con il Sud-Sudan. Ad Agojo, il Direttore Generale ha contribuito a distribuire sementi di colture e di ortaggi a più di 1.000 rifugiati e famiglie di comunità ospitanti. Questa assistenza migliorerà la nutrizione delle famiglie e genererà reddito dalla vendita di qualsiasi eccedenza. A Mungula 1 il Direttore Generale della FAO ha inaugurato un progetto di micro-irrigazione che fornirà ai rifugiati e alle famiglie della comunità ospitante una fonte affidabile di acqua per le loro colture e per il bestiame.

UgandaPrima di visitare gli insediamenti, il direttore generale dell’Onu ha incontrato il primo ministro dell’Uganda Dr. Ruhakana Rugunda. “Le persone non hanno scelto volontariamente di diventare rifugiati. Abbiamo la responsabilità di aiutare i nostri fratelli dando loro la speranza perché questa è la situazione oggi, ma potrebbe cambiare domani”, ha dichiarato il Presidente Rugunda. Nell’ambito di un nuovo piano di risposta la FAO sta intensificando l’impegno dell’agenzia nel fornire assistenza alle condizioni di vita dei rifugiati e delle comunità ospitanti. Il piano si concentra sulla produzione agricola e sulla zootecnica, sulla nutrizione, sulla protezione dell’ambiente e su un miglior supporto tecnico al governo.

La visita giunge dopo che il Segretario Generale dell’ONU a giugno ha invitato la comunità dei donatori a rafforzare il proprio sostegno alla risposta per i rifugiati. L’Uganda necessita di circa 2 miliardi di dollari l’anno per il periodo 2017-2020 per affrontare i bisogni dei rifugiati e i donatori si sono finora impegnati solo per circa 358 milioni di dollari.

(@novellatop, 31 agosto  2017)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Migliaia di rifugiati del Sud Sudan in Uganda, la Fao chiede maggiore assistenza - Insieme Con Sorriso

Leave a comment

Your email address will not be published.


*