Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Con oltre mille eventi al via UNGA72; riforme, Libia, DPRK, donne, tra temi in modo ricco di minacce ibride

debutto Guterres e Trump il 18 settembre

NEW YORK, 15 SETTEMBRE – Oltre mille eventi, altrettanti bilaterali e multilaterali, oltre cento capi di stato e di governo e due importanti debutti: quello del Segretario Generale Antonio Guterres e del presidente americano Donald Trump. Pur aprendo ufficialmente i battenti il 19 settembre con i discorsi formali dei capi di stato e di governo, l’Assemblea Generale dell’Onu comincia quest’anno con un giorno di anticipo con un dibattito ministeriale sull’agenda di riforma delle Nazioni Unite che vede al centro la nuova amministrazione Usa e il nuovo inquilino del 38esimo piano del Palazzo di Vetro.

Il ministro degli Esteri Angelino Alfano, da domenica a New York, rappresenterà l’Italia all’incontro il cui nodo centrale e’ una dichiarazione in 10 punti che appoggia gli sforzi di Guterres “di fare cambiamenti concreti alle Nazioni Unite”. Guterres parlerà a braccio lunedì e Trump parlerà dopo Guterres l’indomani per la prima volta in Assemblea Generale, nel primo dei sei giorni del dibattito ad alto livello. Per l’Italia, il premier Paolo Gentiloni e’ in agenda mercoledì 20 a meta’ giornata.

La prevenzione dei conflitti e delle crisi e l’empowerment delle donne sono, oltre alle riforme, gli altri due temi che stanno a cuore a Guterres, secondo quanto hanno anticipato oggi alti funzionari delle Nazioni Unite. Per l’Italia si cercherà di dar senso all’agenda dello sviluppo 2030, i 17 obiettivi dello sviluppo sostenibile, nell’ambito di un quadro piu’ complesso che in passato, fatto anche di “minacce ibride”, dal terrorismo alla poverta’ endemica e le carestie, il clima che cambia, i rifugiati e come ombra su tutto la (non) proliferazione nucleare con la Nord Corea in prima battuta. Il 20 settembre sarà aperto alla firma il nuovo trattato adottato in luglio da oltre 120 paesi.

Alcuni appuntamento segnano l’agenda della delegazione italiana: una riunione del Consiglio di Sicurezza sulla Libia per presentare la nuova roadmap dell’Onu, una ministeriale sulla Siria, una riunione con Guterres organizzata con Regno Unito e Etiopia sulla Somalia e un’altra sul contrasto all’uso di Internet da parte di terroristi. Il paese che ha piu’ siti UNESCO al mondo (53) e che si e’ fatto promotore dei caschi blu della cultura organizzerà un side event sulla protezione del patrimonio culturale. E alla vigilia del lancio a Roma in ottobre della Rete delle donne mediatrici del Mediterraneo, l’Italia ha organizzato un incontro sul ruolo delle donne mediatrici.

Oltre al Presidente del Consiglio Gentiloni, che il 20 settembre al Plaza prendera’ parte al forum parallelo organizzato dalla Bloomberg, e al Ministro Alfano della delegazione italiana fanno parte i ministri dell’Ambiente Gianluca Galletti e della semplificazione nella pubblica amministrazione Marianna Madia, il sottosegretario agli esteri Enzo Amendola e una delegazione parlamentare di cui fanno parte, tra gli altri, Linda Lanzillotta e Pier Ferdinando Casini. (@OnuItalia)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*