Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

UNGA72: Alfano, l’emozione di un voto importante

NEW YORK, 21 SET – “Nonostante non sia un esordiente”, ha detto Angelino Alfano, “ho provato quell’emozione che si abbina alla responsabilità di rappresentare il nostro paese in un momento così importante”. Con queste parole il ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale ha commentato, durante un incontro con la stampa presso la missione italiana all’Onu, le sensazioni provate nel votare per la prima volta, alzando la mano, in una riunione del consiglio di sicurezza.

Il voto favorevole dell’Italia riguardava una risoluzione del consiglio di sicurezza (di cui l’Italia fa parte quest’anno) sui crimini di guerra e contro l’umanità commessi dal Daesh in Iraq e in Siria, e sull’esigenza di punire i colpevoli.  Alfano sedeva attorno al grande tavolo a ferro di cavallo della sala del Consiglio, affiancato dai più stretti collaboratori: il segretario generale della Farnesina, Elisabetta Belloni; l’ambasciatore all’Onu, Sebastiano Cardi; il capo di gabinetto, Gian Lorenzo Cornado; e il direttore generale per gli affari politici del ministero, Luca Giansanti.

Parlando in inglese, il ministro, che nei mesi scorsi aveva aveva già partecipato ad altre riunioni del consiglio, ha illustrato la posizione dell’Italia agli altri membri. “Poche volte nella storia – ha osservato – sono stati visti tanti atti deliberati e sistematici di omicidi, sequestri, attentati suicidi, violenze sessuali, schiavitù, persecuzioni di minoranze religiose e distruzioni del patrimonio culturale”. La risoluzione è stata poi approvata.

“E’ stato un bell’onore e una bella responsabilità rappresentare l’Italia nel voto”, ha spiegato il ministro ai giornalisti, facendo anche un bilancio dell’appuntamento annuale a New York dell’Assemblea generale dell’Onu. “L’Italia ha giocato una partita da protagonista”, ha notato il ministro degli esteri, che ha anche ringraziato l’ambasciatore Cardi e il suo “team” per il proficuo lavoro degli ultimi giorni. Per la 72ma sessione dell’Assemblea generale, oltre al presidente del consiglio Paolo Gentiloni e ad Alfano, erano presenti a New York i ministri dell’Ambiente Gianluca Galletti e della semplificazione nella pubblica amministrazione Marianna Madia, il sottosegretario agli esteri Enzo Amendola e una delegazione parlamentare composta, tra gli altri, da Linda Lanzillotta e Pier Ferdinando Casini.

OI, 21-9-2017

 

Questo il link al video: https://youtu.be/1EnGMEWLfXQ

 

The following two tabs change content below.

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts