Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Rohingya: Giro, 500.000 Euro al WFP per profughi in Bangladesh

ROMA, 26 SETTEMBRE – In risposta alla crisi umanitaria provocata dal drammatico esodo di oltre 400.000 Rohingya in Bangladesh, la Cooperazione Italiana ha disposto un contributo multilaterale di emergenza del valore di 500.000 Euro al World Food Program per la distribuzione di razioni alimentari ai profughi. Lo ha annunciato oggi il Vice Ministro degli Esteri Mario Giro.

La situazione umanitaria nello Stato di Rakhine, in Myanmar, è drammaticamente peggiorata a partire dal 25 Agosto, in concomitanza con gli attacchi dell’Arakan Rohingya Salvation Army (ARSA). Il drastico deterioramento delle condizioni di sicurezza e le già difficili condizioni socio-economiche dell’area hanno costretto 410.000 musulmani a trovare rifugio nel vicino Bangladesh. Secondo quanto riferito dall’Ambasciata a Yangon, anche 27.000 non-musulmani Rakhine sono fuggiti, riporta Giro. Alcuni degli sfollati hanno cercato momentaneamente riparo presso altre famiglie già residenti nei siti di fortuna e nei campi rifugiati già presenti nell’area di Cox Bazar, oltre che in accampamenti spontanei e presso altre comunità ospitanti nelle località di Ukhia e Teknaf.

Le necessità in termini di aiuti alimentari, servizi sanitari, acqua ed igiene e protezione sono immense e la situazione rimane molto fluida per gli spostamenti delle popolazioni tra i diversi siti di fortuna versi i nuovi campi allestiti, oltre al persistere di nuovi arrivi lungo il confine. Le Nazioni Unite hanno approntato già a inizio settembre un piano di risposta con una richiesta complessiva di 77 milioni di dollari in risposta all’afflusso dei Rohingya in Bangladesh, tuttora in fase di revisione alla luce dell’aumento delle popolazioni colpite e le necessita sul terreno.

In risposta a questa situazione, la Cooperazione Italiana – di intesa con la DGMO – ha disposto un finanziamento di emergenza del valore di 500.000 Euro a favore del Programma Alimentare Mondiale. Grazie al contributo, il WFP potrà realizzare operazioni di distribuzione di razioni alimentari (25 chilogrammi di riso per ogni nucleo familiare) e di biscotti energetici (alla frontiera) a favore di circa 126.000 persone attualmente assistite, con particolare attenzione alle categorie più vulnerabili della popolazione (donne incinte e bambini). (@OnuItalia)

 

The following two tabs change content below.

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*