Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Croce Rossa Italiana a New York: Valastro, bene impegno Italia contro tratta delle persone

NEW YORK, 28 SETTEMBRE – Il milione di dollari che l’Italia ha annunciato all’Onu in appoggio al Trust Fund contro il traffico di essere umani e’ una bella notizia: “Un importante sforzo da parte italiana”, ha detto il Vice Presidente della Croce Rossa Italiana, Rosario Valastro, in questi giorni al Palazzo di Vetro come parte delle delegazione della Federazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) per incontri ad alto livello alle Nazioni Unite.

L’annuncio italiano e la dichiarazione adottata ieri dall’Assemblea Generale sono importanti passi avanti, “ora pero’ occorre passare dalle dichiarazioni alle azioni”, ha detto Valastro facendo appello agli stati a prevenire le cause del traffico adottando adeguate politiche migratorie, e cioè’: “Corridoi umanitari sicuri per chi scappa da guerre, fame, povertà’ e una corretta informazione sulle vie di accesso per evitare viaggi inutili e soprattutto spesso mortali”. Fermo restando che la priorità devono essere i più vulnerabili, in particolare le donne e i bambini. Si tratta di una realtà molto pericolosa. Il testo base frutto di questi lavori richiama all’agenda 2030 delle Nazioni Unite per sollecitare gli Stati a impegnarsi ad affrontare concretamente questi aspetti.

Oltre che della tratta di esseri umani, Valastro e la delegazione della IFRC) ha affrontato il tema del trattato per lo smantellamento delle armi nucleari,  un documento che è tra le priorità del Comitato Internazionale della Croce Rossa. Dopo l’adozione dello scorso 7 luglio con i due terzi dei “si” necessari, ora sono iniziati i processi di ratifica. “Ovviamente mancano all’appello molti paesi chiave e, per quel che ci riguarda da vicino, non c’è l’Italia. Nonostante ciò possiamo ben affermare che è stato un successo inaspettato, considerando la situazione da cui partivamo: si tratta dunque di un primo significativo e simbolico first step, un punto di partenza e non di arrivo. Dobbiamo ancora lavorare”, ha detto Valastro.. Il rischio è altissimo per i più vulnerabili, in particolare le donne e i bambini. Si tratta di una realtà molto pericolosa. Il testo base frutto di questi lavori richiama all’agenda 2030 delle Nazioni Unite per sollecitare gli Stati a impegnarsi ad affrontare concretamente questi aspetti. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*