Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Acqua: a una giovane somala il premio che valorizza il lavoro delle donne per eliminare i conflitti

acqua

MILANO, 2 OTTOBRE – Il premio della prima edizione del ‘Women peacebuilder for water award’, che valorizza l’azione delle donne nella risoluzione dei conflitti legati all’acqua, è andato a Amina Abdulkadir, 27 anni, somala.

Istituito in occasione del primo Forum internazionale, ‘Regole dell’acqua, regole per la vita’, sotto gli auspici della Presidenza Italiana del G7, il premio è promosso dalla Fondazione Milano per Expo 2015.  Amina Abdulkadir, è stata premiata per il suo sforzo di promozione della pace e per il lavoro di educazione delle donne a diventare elementi di dialogo per risolvere i conflitti tra le comunità locali, che scoppiano proprio per la gestione delle risorse idriche, per il loro uso e consumo. A premiarla è stata Diana Bracco, presidente della Fondazione Milano per Expo. “Le donne – ha detto – svolgono un ruolo importante per una giusta distribuzione delle risorse, del cibo e dell’acqua, uno dei maggiori contributi alla pace tra i popoli. Un ruolo troppo spesso dimenticato. Questo premio, invece, vuole riconoscerlo pienamente”.

acqua

Amina-Abdikadir

“Il 45% della popolazione in Somalia non ha accesso all’acqua potabile – ha spiegato Amina Abdulkadir – e la maggior parte di questi cittadini vive in zone rurali. Inoltre ci sono conflitti tra clan sulla gestione delle risorse. Le donne somale hanno un ruolo importante in quanto costruttrici di pace: infatti proprio loro hanno risolto alcuni di questi conflitti e ne hanno evitati altri, la loro influenza è importante e dimostra che le donne possono essere agenti di pace e non solo vittime delle guerre”.
Per il loro impegno sono state premiate anche Mara Tignino, coordinatrice della piattaforma per le regole internazionali riguardanti l’acqua del Ginevra Water Hub e ricercatrice dell’Università di Ginevra ed Erika Weinthal docente della Nicholas School of the environment della Duke University Usa.

L’acqua come importante fattore di costruzione di pace è oggetto di varie Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e delle proposte sviluppate dall’ High-Level Panel on Water and Peace, costituito da 15 Paesi membri dell’ONU, che ha di recente pubblicato il suo primo Rapporto. Anche il World Water Assessment Programme- WWAP dell’UNESCO, il cui Segretariato ha sede a Perugia, è incentrato sull’acqua ed ha come obiettivo prioritario la valutazione periodica dell’utilizzo delle risorse idriche mondiali con l’obiettivo di promuovere politiche per lo sviluppo sostenibile sociale ed economico, per questo ogni pubblica un rapporto mondiale sull’acqua, il ”UN World Water Development Report”.

(@novellatop, 2 ottobre 2017)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*