Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Corridoi umanitari: Steinmeier, un modello anche per Germania

ROMA, 11 OTTOBRE – I corridoi umanitari fanno scuola anche in Germania. “Avete mostrato una via che permette a molti tra i più deboli nel mondo di ottenere protezione e accoglienza in Europa, senza che debbano consegnarsi nelle mani di trafficanti di uomini senza scrupoli”, ha detto il presidente federale tedesco, Frank-Walter Steinmeier, ospite lunedì’ scorso della Comunità di Sant’Egidio a Roma. Steinmeier ha reso omaggio all’iniziativa di passaggi sicuri attraverso il Mediterraneo gestito dalla “piccola Onu di Trastevere” in collaborazione con la Tavola valdese e la Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI).

Quella da Sant’Egidio e’ stata l’ultima tappa di una due giorni nella capitale italiana per Steinmeier, un luterano e da marzo il dodicesimo presidente della Repubblica tedesca. La visita ha preso avvio domenica con un discorso tenuto alla Christuskirche di via Sicilia, sede della comunità luterana romana dove Steinmeier ha definito la Riforma avviata dal tedesco Lutero come “un’alba della modernità”, senza nascondere che da quelle azioni si sono generate anche radici di pericolosa intolleranza e incomprensione. Lunedì il presidente tedesco e’ stato ricevuto in Vaticano da Papa Francesco: “Abbiamo parlato a lungo della questione dei rifugiati e degli immigrati, e il pontefice ha comunicato il suo rispetto per il modo in cui la Germania ha percepito la propria responsabilità nella grande crisi migratoria, con l’auspicio che la solidarietà europea contribuisca maggiormente allo sviluppo dell’Africa, da dove giungono per la maggior parte i rifugiati”.

Nel pomeriggio infine la visita alla Comunità di Sant’Egidio e il riconoscimento del progetto dei Corridoi umanitari che secondo Steinmeier “si caratterizza in modo particolare per il forte accompagnamento dei profughi una volta accolti. Attraverso il vostro programma di sostegno si assicura l’aiuto con successo all’integrazione. Questo è un modello dal quale noi in Germania possiamo imparare”. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*