Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Unesco: Usa e Israele se ne vanno, ‘Organizzazione troppo vicina a nemici dello stato ebraico’

Unesco

PARIGI,  13 OTTOBRE – Stati Uniti e Israele sbattono la porta dell’Unesco, l’organizzazione dell’Onu che tutela la bellezza e il patrimonio culturale e paesaggistico del mondo, e se ne vanno, accusandola di parteggiare per i nemici dello stato ebraico. Proprio nella settimana nella quale si avanzano le candidature per la successione dell’attuale guida, Irina Bokova, il presidente americano Donald Trump adotta una determinazione dirompente, trascinandosi dietro Israele.

Donald Trump

Donald Trump

La decisione degli Stati Uniti diverrà effettiva dalla fine del 2018 e gli Usa resteranno osservatori. La scelta, secondo quanto ha riferito il Dipartimento di Stato Usa,  “non è stata presa con leggerezza e riflette le preoccupazioni americane per i crescenti arretrati” da versare “all’Unesco, la necessita’ di riforme fondamentali dell’organizzazione e la prosecuzione del pregiudizio anti Israele all’Unesco”. La mossa americana cade in un momento particolarmente delicato, in Medio Oriente e non solo. A luglio l’Unesco aveva dichiarato il contestato centro storico di Hebron, nei territori occupati da Israele della Cisgiordania, quale World Heritage Site. E degli ultimi giorni è anche lo sviluppo diplomatico dell’intesa tra le fazioni palestinesi di Fatah e Hamas che dovrebbe comportare una gestione comune del confine nella striscia di Gaza.

Il ritiro Usa dall’Unesco “a causa delle relazioni con Israele è una decisione “da apprezzare”, ha subito detto via twitter, in una prima reazione da parte israeliana, l’ex ministro degli esteri,e negoziatore capo, Tizpi Livni. “E’ un messaggio al mondo – ha proseguito – che c’e’ un prezzo alla politicizzazione, alla storia unilaterale e distorta”. Ma anche il premier israeliano Benyamin Netanyhau – che e’ anche ministro degli Esteri – non ha fatto attendere la sua risposta e ha dato istruzioni di “preparare l’uscita di Israele dall’Unesco in Unescoparallelo con gli Usa”.

“Mi rammarico profondamente per la decisione degli Stati Uniti di ritirarsi dall’Unesco, di cui ho ricevuto notifica ufficiale con una lettera del segretario di stato americano, Rex Tillerson”, si legge in un comunicato della direttrice generale dell’Organizzazione con sede a Parigi, Irina Bokova. La decisione degli Usa di ritirarsi dall’Unesco è “una triste notizia”: ha dichiarato  da parte sua il portavoce di Putin, Dmitri Peskov.

E’ dal 2011, quando la Palestina divenne membro dell’organizzazione dell’Onu, che gli Stati Uniti hanno smesso di finanziarla pur mantenendo un ufficio nel quartier generale di Parigi.

Intanto a Parigi si sta votando in questi giorni per eleggere il nuovo direttore generale. Per ora sono rimasti in lizza due soli candidati che sono pari a livello di preferenze: l’ex ministro della cultura francese Audrey Azoulay e il suo omologo del Qatar Hamad Bin Abdulaziz Al-Kawari su cui Israele ha già espresso le proprie preoccupazioni.

(@novellatop, 13 ottobre 2017)

 

 

 

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

1 Comment on Unesco: Usa e Israele se ne vanno, ‘Organizzazione troppo vicina a nemici dello stato ebraico’

  1. Era ora, via da questi carrozzoni pieni di parassiti, dominati dai musulmani che esportano terrorismo. Sapete cosa ha prodotto l’Onu per l’Italia? La boldrina, il nulla fatto persona

Leave a comment

Your email address will not be published.


*