Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Afghanistan: a lezione di giornalismo radiofonico con il contingente italiano

Afghanistan

HERAT, 10 NOVEMBRE- Non solo armi, e corsi di difesa: a Camp Arena, sede del contingente italiano in Afghanistan, si è concluso un corso di giornalismo a favore di militari e poliziotti impiegati nella Pubblica Informazione delle forze armate e di sicurezza afghane, il primo dedicato alla gestione di trasmissioni radiofoniche.

Afghanistan

Una fase delle lezioni

Con una breve cerimonia e con la consegna degli attestati di partecipazione da parte del generale Antonio Bettelli, vice Capo di stato maggiore dei Supporti della missione Resolute Support – massima autorità militare italiana in Afghanistan – e del Comandante del Train, Advise and Assist Command West Generale Massimo Biagini sono stati ‘laureati’ li undici ufficiali (tra esercito e polizia) che hanno terminato un intenso corso volto ad approfondire le tematiche di giornalismo e informazione in un ambiente complesso e variegato come quello dell’Afghanistan occidentale, dove coesistono canali di comunicazione tradizionali quali la stampa, la radio e la televisione accanto a canali avanzati come internet ed i social media.
Il generale Bettelli durante la consegna dei diplomi di fine corso ha elogiato gli allievi incoraggiandoli a continuare il proprio percorso professionale per un Afghanistan sempre più prospero e sicuro, estendendo inoltre il proprio apprezzamento al personale del contingente italiano.
L’esigenza di approfondire tali argomenti è emersa in seguito alla crescente necessità di contrastare in maniera efficace la propaganda delle formazioni terroristiche ostili alla popolazione ed alle istituzioni afgane.

Personale qualificato del quartier generale di Resolute Support, insieme al personale del contingente italiano, ha quindi spiegato nel corso delle lezioni, il giusto approccio alla metodologia dell’informazione, al corretto uso dei canali di comunicazione a seconda dell’audience di riferimento con particolare attenzione alla comunicazioni radiofoniche.

Afghanistan

Si consegnano gli attestati

”In una società come quella odierna, il contrasto alle forze nemiche dell’Afghanistan si applica non solamente tramite il controllo del territorio fisico del proprio Paese, ma anche e soprattutto informando la popolazione in maniera adeguata, efficace e corretta su quelli che sono i continui progressi ottenuti dalle Forze di Sicurezza e dalle Istituzioni” ha dichiarato il Generale Biagini al termine della cerimonia ”Questo corso vi ha dato gli strumenti per operare ancor più efficacemente per il bene del vostro Paese, raggiungendo con le radio, le televisioni ed il web il maggior numero di cittadini”.
Per il contingente italiano si è trattato di un’ulteriore iniziativa finalizzata a sostenere il processo di formazione e professionalizzazione delle forze di sicurezza locali non solo in aspetti tecnico-pratici militari ma – come stabilito dalla missione RS e dal governo di Kabul – favorendo la crescita professionale e specialistica dei nuovi quadri. Il corso appena concluso completa un percorso formativo avviato dalla Brigata alpina Taurinense per creare nuove capacità in grado di contrastare la propaganda delle cellule terroristiche e allo stesso tempo raggiungere sempre più ampie fasce di popolazione durante le campagne d’informazione per il contrasto agli ordigni improvvisati e quelle di prevenzione sanitaria.

(@novellatop, 10 novembre 2017)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*