Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Libia: Onu boccia accordo con UE, politica intercettazioni e’ “disumana”

GINEVRA, 14 NOVEMBRE –  L’ONU di Ginevra boccia l’accordo UE-Libia sui migranti: “La comunità internazionale non può continuare a chiudere gli occhi di fronte agli inimmaginabili orrori affrontati dai migranti in Libia e far finta che la situazione possa essere risolta semplicemente attraverso il miglioramento delle loro condizioni”, ha detto il principe giordano Zeid Raad al-Hussein, Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, secondo il quale la politica dell’Ue, che “consiste nell’aiutare” la Guardia costiera libica nell’intercettazione e nel respingimento delle imbarcazioni dei migranti, è “disumana”.

“La sofferenza dei migranti in Libia rappresenta un oltraggio alla coscienza dell’umanità”, ha aggiunto Zeid, che si è detto convinto del fatto che la situazione sia diventata “catastrofica”.

Gli osservatori dell’Onu in Libia “sono rimasti scioccati da ciò che hanno visto: migliaia di uomini denutriti e traumatizzati, donne e bambini ammassati gli uni sugli altri, rinchiusi dentro capannoni senza la possibilità di accedere ai servizi più basilari”, ha detto Zeid che accusa “l’Ue e i suoi stati membri di non aver fatto nulla per ridurre gli abusi perpetrati sui migranti”.

E sempre Zeid ha detto che la sofferenza dei migranti detenuti in Libia è “un oltraggio alla coscienza dell’umanità”. L’Alto commissario ha chiesto la creazione di misure giuridiche nazionali e la depenalizzazione della migrazione irregolare al fine di garantire la protezione dei diritti umani dei migranti.

“Sin dal primo momento l’Italia ha posto in tutte le sedi il problema delle condizioni umanitarie dei centri di accoglienza in Libia. Lo ha fatto d’intesa con l’UE e sollecitando anche le agenzie Onu a operare e a lavorare in questa direzione in Libia”, ha puntualizzato la Farnesina in una nota diffusa dopo la denuncia dell’Alto Commissario: “Sono mesi che chiediamo a tutti i
player coinvolti di moltiplicare l’impegno e gli sforzi in Libia per assicurare condizioni accettabili e dignitose alle persone presenti nei centri di accoglienza”, si legge ancora nella nota. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*