Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Alfano all’Onu: vede Guterres, centrati obiettivi Italia in Consiglio Sicurezza

NEW YORK, 16 NOVEMBRE – Al giro di boa del meta’ mese di presidenza italiana del Consiglio di Sicurezza, il ministro degli esteri Angelino Alfano ha tirato le somme del lavoro finora svolto. “Abbiamo centrato gli obiettivi”, ha detto il ministro incontrando i giornalisti presso la Rappresentanza permanente all’Onu poco prima di un bilaterale con il Segretario Generale Antonio Guterres.

“Protezione dei beni culturali, Mediterraneo e Libia: l’Italia ha messo un asterisco specifico sulla politica del Consiglio di Sicurezza”, facendo si’ che “la presidenza italiana non fosse incolore e insapore come l’acqua ma avesse una caratura di natura politica”, ha detto Alfano che ieri ha presieduto una riunione specifica del Consiglio sulla Libia e oggi un briefing con lo stesso Guterres sulle sfide alla sicurezza nel “mare nostrum”. Tanti i colloqui, tra cui oltre a Guterres, col presidente dell’Assemblea generale Miroslav Lajcak, e stamattina con l’ambasciatrice americana all’Onu Nikki Haley per uno scambio approfondito sul comune lavoro in Consiglio. “Piena condivisione su valori, visione e priorità globali a partire da Mediterraneo, Libia e Africa”, ha indicato su Twitter la Farnesina.

Sulla Libia il Consiglio ieri aveva ascoltato l’inviato speciale Onu Ghassam Salame’ sul cui negoziato l’Italia punta per ottenere risultati concreti che portino alla stabilizzazione del Paese: “Prima c’erano troppi negoziatori e pochi negoziati. Ora che c’e’ lui e che e’ passata la linea della ‘reductio ad unum’, le consultazioni a Tunisi hanno prodotto una base di confronto e un obiettivo di dare di qui al prossimo autunno un assetto democratico alla Libia”, ha detto Alfano ricordando che “all’inizio 2017 avevamo detto che quel paese doveva stare in testa alle priorità dell’agenda del Consiglio di Sicurezza. A novembre possiamo dire che questo obiettivo e’ stato centrato”, ha detto il ministro.

In Rappresentanza Alfano ha reagito alle critiche dell’Onu agli accordi europei sulla Libia: “Sul tema dei diritti umani rispondiamo con il lavoro di questi quattro anni, e ribadiamo che sarebbe meglio fare buone azioni piuttosto che dare lezioni”. L’Italia queste azioni le ha fatte, “salvando mezzo milione di vite umane e le sta facendo investendo risorse su Unhcr, finanziando l’Oim e le nostre Ong per garantire standard diritti umani accettabili”, ha detto il ministro rispondendo a domande di giornalisti. Il titolare della Farnesina ha parlato ieri della questione con il collega libico: “Per chi come noi ha fatto dei diritti umani una questione fondamentale negli ultimi quattro anni, e’ impossibile transigere su questo”. (@alebal)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts