Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

A Roma iI summit delle diaspore: Giro, “nato un percorso all’insegna della fiducia”

ROMA, 18 NOVEMBRE – “Non è possibile credere che dove ci sono stranieri ci siano problemi. Oltre le cifre che lo smentiscono, serve narrare storie. Prendete la parola senza vittimismi, sui problemi di tutti, siate un soggetto positivo, oggi è un momento di svolta. Abbiamo costruito un percorso in cui una parola ha grande importanza: fiducia”.  Nelle parole del viceministro degli Esteri Mario Giro il senso del primo “Summit nazionale delle Diaspore” organizzato dal gruppo di Lavoro 4 “Migrazione e Sviluppo” del Consiglio Nazionale per la Cooperazione allo Sviluppo.

Oltre 7.000 associazioni migranti censite, 50 Paesi del mondo rappresentati, 400 associazioni partecipanti agli incontri preparatori organizzati in tante Regioni italiane negli ultimi 5 mesi e più di 500 persone venute da tutta Italia: Milano, Torino, Cagliari, Padova, Napoli, Firenze e Roma. “Il ruolo delle diaspore deve essere incisivo, devono contare”, ha detto Giro: “Spero che siano riconosciute come soggetto con il quale bisogna dialogare a tutti i livelli” con l;’obiettivo di creare quella migrazione circolare che è uno scambio win-win, di reciproco vantaggio”.

L’appuntamento, presso il centro congressi Frentani, e’ stata l’occasione per un proficuo confronto tra associazioni di migranti, istituzioni e organismi della società civile, ma anche uno strumento di scambio permanente di informazioni e obiettivi con la Cooperazione Italiana.
E’ stato presentato un documento finale, elaborato grazie ai contenuti emersi dagli incontri territoriali con le diaspore in diverse città italiane organizzati durante il progetto, e quindi attraverso il confronto costante con le associazioni, che rappresenta la direzione, le criticità e le opportunità del dialogo tra diaspore e Cooperazione Italiana. Emilio Ciarlo, dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics), ha evidenziato una doppia prospettiva rispetto agli obiettivi del Summit: “Da una parte, favorire la convivenza e le opportunità nel nostro Paese; da un’altra, creare sviluppo a livello internazionale”.

Il ruolo delle diaspore è un tema prioritario per l’Aics che vuole valorizzare le associazioni di migranti, espressioni delle diaspore, nella loro fondamentale funzione di rappresentanza nei confronti delle Istituzioni e anche di mediazione con la società di accoglienza. Le finalità politiche dell’iniziativa riconoscono nelle diaspore un’importante risorsa strategica che può rappresentare un ponte tra i Paesi e le società rivestendo un ruolo chiave nello scambio di risorse economiche, culturali e di conoscenze sociali. Molte di queste associazioni svolgono infatti anche attività di solidarietà internazionale e cooperazione allo sviluppo, promuovendo le relazioni tra l’Italia e i Paesi di origine. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts