Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Priorita’ NEET: agenda Youth Delegates italiani approvata in Commissione Onu

NEW YORK, 22 NOVEMBRE – Priorità NEET:  i giovani che non studiano, non lavorano, non cercano lavoro. Giuseppina De Marco e Tommaso Murè, i primi Youth Delegate italiani che tra settembre ed ottobre hanno affiancato i diplomatici della Rappresentanza Permanente nei lavori della Terza Commissione ONU ne avevano fatto un punto qualificante della loro agenda al Palazzo di vetro.

Sin dal loro discorso in apertura dei lavori di Terza Commissione, i due studenti della Sapienza e dell’Università di Bologna avevano fatto del fenomeno dei NEET la loro priorità prendendo la parola a nome dell’Italia. Giuseppina e Tommaso avevano richiamato l’attenzione degli Stati Membri sui dati preoccupanti, sottolineando l’impatto negativo che questo fenomeno può avere sul raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) ed esortando la membership ad inserire una menzione ai NEET nella risoluzione sui programmi e le politiche giovanili di quest’anno (la c.d.Youth Resolution), come alla fine e’ effettivamente accaduto.

Per promuovere l’inserimento dei NEET nella Youth Resolution di quest’anno, i due studenti italiani hanno organizzato un side-event alla Rappresentanza italiana dal titolo NEET: Can the World Afford This?, durante il quale esperti, diplomatici e  Youth Delegates hanno avuto modo di riflettere insieme sulla problematica. In sede di negoziazione della risoluzione, i due studenti, d’accordo con Roma, hanno proposto l’inclusione di un riferimento ai NEET.

Lo UN Youth Delegate Programme è un’iniziativa unica per coinvolgere i giovani nei processi decisionali dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Durante il loro periodo a New York, i giovani delegati hanno preso parte a numerose iniziative sull’Agenda 2030 e le nuove generazioni e hanno avuto modo di incontrare tra gli altri il Rappresentante Permanente per l’Italia all’ONU Sebastiano Cardi, l’Inviata Speciale per la Gioventù del Segretario Generale Jayathma Wickramanayake e lo stesso Segretario Generale Antonio Gutierrez. In tale occasione, Gutierrez ha trascorso alcuni minuti con gli Youth Delegate e Giuseppina ha avuto l’onore di  pronunciare un breve discorso a nome di tutti  i giovani delegati.

A confermare il ruolo attivo dei due giovani italiani c’e’ stata anche la conferenza organizzata dall’ UN DESA sul ruolo degli Youth Delegate all’interno del sistema ONU, alla quale Tommaso ha preso parte come speaker, e l’evento che Giuseppina e Tommaso hanno co-organizzato con la Columbia University e la SIOI, durante il quale hanno avuto modo di confrontarsi con gli studenti del UN Studies Working Group sul ruolo degli rappresentanti giovanili.

La soddisfazione più grande per i due giovani è arrivata però già rientrati in Italia, quando qualche giorno fa la Youth Resolution è stata adotta per consenso dalla Terza Commissione. Il testo approvato contiene, al paragrafo 14, proprio la proposta sui NEET che Giuseppina e Tommaso avevano portato in sede di negoziazione e che è stata sostenuta dai diplomatici italiani nelle trattative successive alla loro partenza.

Il mandato dei primi Youth Delegate italiani non poteva avere esordio migliore, forti di questo successo Giuseppina e Tommaso si apprestano a lavorare alla fase successiva del programma, incontrare giovani italiani nelle scuole e università per spiegare loro l’importanza dell’ONU e della diplomazia multilaterale. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About OnuItalia

Il giornale Italiano delle Nazioni Unite. Ha due redazioni, una a New York, l’altra a Roma. Contact: Website | Facebook | Twitter | YouTube | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*