Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

INTERSOS: 25 anni di aiuti di emergenza, oltre un milione di persone assistite all’anno

ROMA, 25 NOVEMBRE – In Giordania, Pakistan, Serbia ad assistere i profughi siriani, nelle Filippine dopo il tifone Hayan a garantire la sicurezza alimentare, e poi in Somalia, Burundi, Ciad, a costruire pozzi nel Darfur, a fornire assistenza medica in Mauritania o corsi di pronto soccorso a Haiti. A Roma con i minori non accompagnati, nelle cliniche mobili in Yemen, in Kosovo a decontaminare campi minati. INTERSOS compie 25 anni. Un anniversario importante che l’organizzazione per gli aiuti in prima linea ha dedicato ai suoi operatori in giro per i mondo e a tutte le persone che ha assistito e sta assistendo da un quarto di secolo.

“In un contesto umanitario estremamente complesso e in continuo cambiamento, questa non è solo una celebrazione, ma un’opportunità per rilanciare il nostro impegno per garantire più aiuto a un numero sempre maggiore di persone”, hanno detto il Presidente Marco Rotelli e il Segretario Generale Kostas Moschochoritis. “Come dichiarato nella nostra Carta dei Valori, i principi umanitari, e in particolare il principio di Umanità, sono sempre stati la nostra stella polare”, sottolinea il Presidente Emerito, Nino Sergi.

In questi 25 anni INTERSOS ha lavorato in 43 paesi, garantendo aiuto umanitario a oltre un milione di persone ogni anno. Solo nel 2016, ha aiutato oltre 2 milioni di persone, gestendo 150 progetti, con quasi 50 milioni di fondi spesi per progetti umanitari. Il racconto a ritroso parte dal Centrafrica di oggi, dove in settembre l’organizzazione umanitaria e’ stata costretta a ritirare il suo staff dal nord per motivi di sicurezza e  dal Sud Sudan, tra le crisi piu’ “giovani” di un mondo in fiamme, per riandare alla Somalia degli anni Novanta, passando per l’implosione della ex Jugoslavia, i rapimenti in Cecenia, l’Iraq e l’Afghanistan della guerra al terrorismo, e poi Darfur, e Ciad dove l’acqua e’ una ossessione e un tagliaunghie, banale strumento di igiene, può far la differenza tra la vita e la morte.

La storia di INTERSOS riflette anche le trasformazioni dell’umanitarismo in un mondo cambiato dopo il crollo dell’Urss, i conflitti altamente medializzati e la guerra per esportare democrazia, il terrorismo internazionale e la teoria dell’attacco preventivo. Nel frattempo le Ong si sono strutturate, si sono moltiplicate (35 mila nel mondo, in Italia circa 300), attorno agli interventi umanitari e’ cresciuto anche un business, sono scoppiate polemiche sul loro ruolo negli interventi di emergenza, per esempio nei soccorsi del Mediterraneo. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*