Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Afghanistan: cultura e storia aiutano, militari italiani donano libri, computer e attrezzature

Afghanistan

HERAT, 28 NOVEMBRE – Cultura e storia possono più di altri strumenti riconnettere il tessuto sociale di un paese come l’Afghanistan, anche se devastato dalla guerra. Anche per questo sempre più frequentemente accanto all’addestramento militare i contingenti dispiegati in Afghanistan sono attenti alle necessità della popolazione civile. In questo quadro i militari italiani hanno effettuato una donazione di libri, computer e attrezzature a favore del Dipartimento della Cultura e Informazione della città di Herat.Afghanistan

La donazione, che si inserisce nell’ambito dell’Executive Plan 2017 (area ‘Amministrazione Civile’-Settore ‘Sport e Cultura’), consentirà al personale del Dipartimento di poter operare in maniera più efficace, dando la possibilità alla popolazione di poter fruire di centinaia di volumi incentrati sulla cultura, la storia e le tradizioni dell’Afghanistan.

La città di Herat, sede di una delle università più importanti del Paese, ha sempre avuto una grande tradizione culturale che negli ultimi anni – grazie agli sforzi del contingente italiano e della missione Resolute Support  – ha ritrovato nuovo slancio soprattutto nelle nuove generazioni. L’impegno costante delle forze della Coalizione Internazionale, a supporto delle istituzioni e della Afghanistanpopolazione afgana ha consentito lo sviluppo di un rinnovato interesse per le radici e la cultura dell’Afghanistan.
Significative le parole del capo del Dipartimento Aria Raufian, che ha dichiarato ai media locali presenti:  ”L’interesse dimostrato dai militari italiani in tutti gli anni della loro presenza qui ad Herat è sempre stato per noi uno stimolo ed una certezza di non essere soli nel preservare e diffondere la nostra cultura, minacciata da integralismi e da messaggi sbagliati e fuorvianti. Ringrazio il popolo italiano che attraverso i suoi soldati ci permette di mantenere e difendere il nostro valore più grande: la nostra identità”.
Inoltre, le attività di sostegno alla popolazione compiute dagli alpini della Taurinense del Train Advise and Command West proseguono senza sosta in vista della imminente stagione invernale, intervenendo per la messa in sicurezza dell’argine secondario del fiume Ari Ruud che attraversa il distretto di Guzara, rafforzandone le sponde con strutture artificiali donate dal contingente agli inizi del mese.
I progetti realizzati dal TAAC West – in aderenza al Master Plan 2017 realizzato in collaborazione con gli specialisti del Multinational Cimic Group dell’Esercito di Motta di Livenza – si affiancano all’attività principale di addestramento e assistenza delle Forze di Sicurezza afgane, focus primario della missione di Resolute Support.

(@novellatop, 28 novembre  2017)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*