Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Rome Med 2017, il Rapporto sulle politiche italiane per il Mediterraneo in 10 parole chiave

Mediterraneo

ROMA, 28 NOVEMBRE – Il Mediterraneo è oggi una regione più frammentata e – al contempo – più interconnessa. Da un lato, centro di crisi virulente e scontro settario; dall’altro, piattaforma globale di connettività economica, energetica e infrastrutturale tra Europa, Africa e Asia. Lo registra il Rapporto elaborato dalla Farnesina in occasione della terza edizione di Rome Med 2017, che dal 30 al 2 dicembre trasformerà Roma in un hub globale per un dialogo di alto livello sul Mediterraneo allargato, con l’obiettivo di ripensare gli approcci tradizionali e disegnare una nuova “agenda positiva”. Saranno presenti oltre 800 leader del mondo politico, economico e culturale – tra cui 45 capi di stato, ministri e vertici di organismi internazionali – e 80 think tanks e istituzioni internazionali da 56 paesi della regione Mediterranea e oltre.

Mediterraneo

Angelino Alfano

Il Rapporto presenta inoltre i contenuti delle attività e delle politiche che l’Italia sta portando avanti in una pluralità di settori: Sicurezza, Migrazioni, Economia, Energia, Cultura e Scienza, Cooperazione. L’obiettivo è quello di affrontare al meglio le sfide che abbiamo di fronte (a cominciare da Libia, Siria, flussi migratori, lotta a Daesh) e di costruire un’agenda positiva per la regione. Il Rapporto è arricchito di grafici e tabelle che sintetizzano la dimensione di primo piano dell’impegno italiano nel Mediterraneo.

”I Med Dialogues – ha osservato Alfano – sono un importante punto di incontro per ideare e progettare insieme, con tutti i paesi del Mediterraneo e con i nostri più importanti partner globali, il ponte che ci deve avvicinare e insegnare a parlare meglio la straordinaria ‘lingua’ del Mediterraneo con un approccio condiviso e inclusivo”.

(@novellatop, 28 no0vembre 2017)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*