Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Corea del Nord, invito dell’Italia all’unità nel Consiglio di sicurezza

NEW YORK, 16 DICEMBRE –  Di fronte alle minacce dei Kim Jong Un, l’Italia appoggia gli sforzi dell’Onu di stabilire un canale di comunicazione con la Corea del Nord e invita il consiglio di sicurezza all’unità sulle sanzioni contro Pyongyang.

“Un conflitto nella penisola coreana sarebbe catastrofico per la regione e per il mondo”, ha detto il rappresentante permanente all’Onu, Sebastiano Cardi, illustrando la posizione italiana nel dibattito di venerdì 15 dicembre al consiglio di sicurezza. “Il deterioramento dell’ultimo anno è una diretta conseguenza delle attività illegali e destabilizzanti da parte di Pyongyang”, ha proseguito Cardi, secondo cui le provocazioni nordcoreane “costituiscono oggi la più grave minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale”.

L’ambasciatore italiano ha chiesto Pyongyang di abbandonare il suo programma di armi chimiche e di aderire immediatamente alla Convenzione sulle armi chimiche. E secondo Cardi, la strategia delle sanzioni può funzionare solo a due condizioni: “La piena e completa attuazione delle misure da parte dell’intera membership dell’Onu e l’unità del Consiglio in questa materia”.

“Come presidente del comitato sanzioni – ha spiegato nel suo intervento – l’Italia ha lavorato per migliorare l’attuazione delle misure. Abbiamo raggiunto l’intera membership per promuovere una migliore comprensione del regime sanzionatorio, affrontare ogni problema che potessero insorgere nell’attuazione delle misure e facilitato il dialogo tra stati membri e Commissione di esperti”.

Cardi ha osservato che “restano ancora molte sfide”, perché un regime sanzionatorio vasto e complesso come quello in piedi dalla comunità internazionale contro sul regime di Pyongyang “richiede costante interazione con gli stati membri per colmare gap informativi”. Ci sono anche problemi di tempistica: il rinvio nella trasposizione delle sanzioni nelle normative nazionali – ha spiegato l’ambasciatore italiano in Consiglio – può creare opportunità di evasione delle misure.

AZ, 16-12-2017

The following two tabs change content below.

Arturo Zampaglione è stato per quasi venti anni corrispondente da New York del quotidiano La Repubblica, per il quale continua a collaborare. Ha studiato a Roma e a Boston, dove ha preso un Master in affari internazionale alla Fletcher School of Law and Diplomacy. Nel 2003-2004 ha insegnato giornalismo internazionale alla New York University. Ha curato la pubblicazione del libro-intervista “La mutazione antiegualitaria” (Editori Laterza).

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Arturo Zampaglione

Arturo Zampaglione è stato per quasi venti anni corrispondente da New York del quotidiano La Repubblica, per il quale continua a collaborare. Ha studiato a Roma e a Boston, dove ha preso un Master in affari internazionale alla Fletcher School of Law and Diplomacy. Nel 2003-2004 ha insegnato giornalismo internazionale alla New York University. Ha curato la pubblicazione del libro-intervista “La mutazione antiegualitaria” (Editori Laterza). Contact: Website | More Posts