Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Afghanistan: italiani promuovono incontro su diritti dei minori

Afghanistan

HERAT, 26 GENNAIO – Il Train Advise Assist Command West (TAAC-W) in Afghanistan ha avviato i lavori di un simposio teso allo sviluppo di procedure normative sul rispetto dei diritti dei minori nell’ambito del delicato tema ”i diritti dei bambini e gli obblighi di protezione dello Stato”.

L’incontro si è svolto presso la base militare di Camp Arena in video-conferenza con l’Italia alla presenza del comandante del contingente italiano, Generale Gianluca Carai, del governatore della Provincia di Herat, dei comandanti delle Forze di Sicurezza afgane, del dott. Giovanni Caria, procuratore della Repubblica di Sassari, del dott. Antonio Minisola, giudice del tribunale dei minori di Sassari, del dott. Addullha Ahmadi e della dott.ssa Mari Mahainyar rispettivamente procuratore capo e vice procuratore di Herat.

Afghanistan

Un momento dell’incontro

Il Governatore della Provincia di Herat ha ringraziato l’Italia per l’attività di supporto a favore delle istituzioni afgane nell’ambito della funzionalità del sistema legislativo e del Rule of law ovvero del principio dell’uguaglianza di fronte alla legge e il generale Carai è intervenuto confermando l’impegno dei militari italiani nell’attività di addestramento e di consulenza a favore delle forze di sicurezza afgane.

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano ha inviato un messaggio nel quale ha detto di ”ringraziare il contingente italiano ad Herat che, nel solco del mandato ricevuto dalle istituzioni nazionali e dal comando di Resolute Support, con passione e impegno lavora fianco a fianco con le forze di sicurezza e le istituzioni afgane, per condividere conoscenze, competenze e idee che possano incrementare il bagaglio del sapere comune sia nelle materie prettamente militari e di polizia sia in quelle in ambito legislativo e giurisdizionale”.

L’operazione Resolute Support (RS) ha il compito principale di continuare ad addestrare, consigliare ed assistere le forze di sicurezza afgane, le quali hanno assunto in toto la responsabilità di garantire la sicurezza del proprio Paese, per renderle sempre più aderenti ed efficaci alla funzione che ricoprono.

(@novellatop, 26 gennaio  2018)

 

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts