Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Minori non accompagnati: studio Intersos, OSF e Unicef mostra assenza tutele e rispetto regole

minori stranieri

ROMA, 7 FEBBRAIO – ‘‘I minori stranieri non accompagnati lungo il confine Nord italiano”: è il titolo di un nuovo studio realizzato da INTERSOS con il supporto di OPEN SOCIETY FOUNDATIONS frutto del lavoro dei team di monitoraggio della Ong lungo le frontiere nord del paese.minori stranieri

Lo studio si avvale tra l’altro di materiali e testimonianze raccolti nell’ambito dei due progetti specifici avviati da INTERSOS a Como e Ventimiglia, in partnership con UNICEF, volti a facilitare la presa in carico dei minori stranieri non accompagnati  intercettati, attraverso l’informativa, il supporto e l’assistenza legale, in stretta collaborazione con le realtà presenti sul territorio e le istituzioni di riferimento.

La ricerca è stata condotta avvalendosi del materiale raccolto tramite le attività intraprese, costituito principalmente da interviste effettuate direttamente con i minori a Roma, Como e Ventimiglia e dalle informazioni assicurate dal dialogo costante con le istituzioni e le realtà della società civile operanti nel settore. Nelle località dove non è stabilmente presente un’equipe INTERSOS la ricerca è stata effettuata attraverso visite di monitoraggio, interviste con i migranti, incontri con le autorità coinvolte nella gestione del fenomeno migratorio e potendo contare su una stabile cooperazione con le associazioni attive sui territori.

Dai risultati ottenuti nel corso della ricerca emerge, nelle zone dei confini settentrionali italiani, una diffusa mancata applicazione delle disposizioni previste a tutela dei minori non accompagnati dalle relative norme internazionali (europee e nazionali), ”con la presenza – afferma INTERSOS – di prassi operative, variamente articolate, comunque gravemente lesive dei diritti e del benessere psico-fisico dei soggetti coinvolti”.

minori stranieriLe autorità di FRANCIA, SVIZZERA E AUSTRIA, secondo la Ong,  procedono sistematicamente alla riammissione in Italia dei minori da loro intercettati e, seppur con modalità che variano a seconda dei luoghi, vengono meno all’obbligo di protezione e alla conseguente presa in carico dei minori.

”La natura del sistema di gestione dei flussi pare, nei fatti, avere una portata sanzionatoria. L’unica colpa dei migranti – conclude INTERSOS – sembra essere quella di volersi emancipare, con enormi sacrifici, dal paradigma di vittime, da una condizione e da un’esistenza che spesso li ha visti oggetto di soprusi, sfruttamenti e violenze”.

 

 

(@novellatop, 7 febbraio 2018)

The following two tabs change content below.

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell’Ansa. Tra le sue missioni l’Albania (di cui ha seguito per l’agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l’Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell’ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Maria Novella Topi

Maria Novella Topi è stata a lungo capo servizio della Redazione Esteri dell'Ansa. Tra le sue missioni l'Albania (di cui ha seguito per l'agenzia la caduta del comunismo e le successive rivolte), l'Iraq e la Libia. Ha lavorato per lunghi periodi nell'ufficio di corrispondenza di Parigi. Collabora da Roma a OnuItalia. Contact: Website | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*