Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Fame zero: a Khartoum riunione donatori programma Scaling Up Nutrition

KHARTOUM, 9 FEBBRAIO – Si è svolta presso la sede dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo a Khartoum la prima riunione del Network dei Donatori del Programma Scaling Up Nutrition -SUN, movimento globale nato nel 2010 per dare impulso alla lotta contro la malnutrizione, in cui l’Italia riveste per il Sudan il ruolo di Donor Convener.

Durante l’incontro – aperto dall’ Ambasciatore d’Italia, Fabrizio Lobasso, con la partecipazione del Titolare della Sede Estera AICS Vincenzo Racalbuto, e dei rappresentanti di EU, ECHO, DFID, USAID, Giappone, Svezia, Francia, Olanda, India – è stato ricordato come, anche a seguito del Global Summit di Abijan dello scorso novembre, il Sudan si sia impegnato a dare impulso al Movimento per contribuire alla riduzione della malnutrizione.

L’Italia – ha ricordato l’Ambasciatore Lobasso – svolgerà un ruolo cruciale per consolidare l’iniziativa SUN nel Paese, tramite una comunicazione regolare ed efficace non solo tra i donatori, ma anche fra i vari organi del Movimento e le istituzioni sudanesi. Il tutto si volgerà nel quadro della Strategia e Roadmad (2016- 2020) e concorrerà alla realizzazione dell’Obiettivo 2 dell’Agenda 2030, ovvero “Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare l’alimentazione e promuovere l’agricoltura sostenibile”. Con 2.2 milioni di bambini malnutriti al di sotto dei 5 anni– ha continuato l’Ambasciatore – in Sudan è urgente una mobilitazione del Movimento SUN per attuare azioni efficaci, condividere risultati comuni e mobilitare risorse economiche, con particolare attenzione alla responsabilità primaria del Governi e un appello a una migliore organizzazione delle istituzioni di supporto.

Il sostegno dell’Italia al movimento SUN rientra nell’ambito di un più ampio piano di aiuti – ha ricordato il Direttore della sede AICS di Khartoum, Vincenzo Racalbuto. In particolare, la Cooperazione Italiana ha in corso iniziative a supporto della popolazione sudanese nel settore della poverty alleviation e della nutrizione per un totale di circa 12.5 milioni di euro, sia a livello bilaterale che multilaterale, con la partecipazione attiva di WHO, UNICEF, UNIDO e UNWOMEN. In conclusione, il Direttore ha voluto ricordare l’impegno della Cooperazione Italiana nel combattere il Double Burden of Disease (letteralmente “doppio carico di malattia”) in cui malnutrizione significa non solo iponutrizione ma anche ipernutrizione e il supporto all’Approccio 1000 giorni, che mira a concentrare gli interventi nutrizionali nell’arco di tempo compreso tra l’inizio della gravidanza e il secondo compleanno del bambino, periodo cruciale per ridurre mortalità, morbidità e le lesioni irreversibili del bambino. (@OnuItalia)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

Leave a comment

Your email address will not be published.


*