43 anni di UNIFIL: Del Col, “sfide senza precedenti, noi col sud del Libano”

104

NAQOURA, 21 MARZO – La Missione Onu nel Libano Meridionale UNIFIL ha compiuto 43 anni e l’anniversario e’ stato celebrato il 19 marzo a Naqoura. Alla cerimonia, presieduta dall’Head of Mission e Force Commander Generale di Divisione Stefano Del Col, in linea con le attuali disposizioni relative alla prevenzione e contenimento del fenomeno pandemico coronavirus (COVID-19), era presente un limitato numero di partecipanti, tra cui rappresentanti delle forze armate e di sicurezza libanesi (LAF), il capo dell’unione delle municipalità di Tiro, il sindaco di Naqoura ed alcune rappresentanze dei 45 paesi contributori di UNIFIL.

Durante la cerimonia, il Capo Missione ed il rappresentante delle LAF hanno deposto due corone di fiori al cenotafio per rendere omaggio ai 321 caschi blu di UNIFIL che hanno perso la vita nel sud del Libano dal 1978. “Il Libano ha dovuto affrontare molte sfide negli ultimi 43 anni, ma l’attuale congiuntura socioeconomica e pandemica non ha precedenti” ha sottolineato Del Col ribadendo l’impegno per la pace e la stabilità nel sud del Libano: “Lo faremo lavorando a fianco e in stretto coordinamento con il nostro partner strategico, le forze armate libanesi. Saremo qui per tutto il tempo necessario.”

Il generale Del Col ha riconosciuto che, sebbene permangano le sfide dovute alla pandemia, UNIFIL è riuscita comunque ad eseguire il proprio mandato incentrato sul mantenimento della cessazione delle ostilità tra le parti.

Riguardo alla Blue Line, la linea di demarcazione fra il Libano e lo Stato di Israele, utile strumento di eliminazione dei conflitti che aiuta a ridurre l’ambiguità e potenziali motivi di attrito, il generale ne ha sottolineato l’importanza chiedendo “a entrambe le parti di impegnarsi nuovamente nel processo di completa definizione della Blue Line sulla base di quel successo passato e del recente accordo quadro riguardante la demarcazione dei confini”. “E’ ora di terminare questo lavoro” ha concluso, invitando ad una una consapevole condivisione.

Il generale ha anche ricordato i tragici eventi dello scorso agosto quando oltre 150 caschi blu sono intervenuti in aiuto alla popolazione locale colpita da una drammatica devastazione nel porto di Beirut, rimuovendo migliaia di tonnellate di detriti nella città, collaborando nel rendere nuovamente operativo il porto di Beirut, assistendo al ripristino di siti del patrimonio anch’essi danneggiati ed aiutando nel riassicurare la normale circolazione delle principali articolazioni stradali. A margine della cerimonia è stata conferita la medaglia delle Nazioni Unite ad alcuni peacekeepers.

UNIFIL è stata creata dalle risoluzioni 425 e 426 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 19 marzo 1978, per confermare il ritiro israeliano dal Libano, riportare la pace e la sicurezza internazionale e assistere il governo libanese nel ripristinare la sua effettiva autorità nell’area. A seguito del conflitto del 2006, il Consiglio di Sicurezza, con la risoluzione 1701, ha notevolmente rafforzato il mandato e la capacità di UNIFIL attribuendole ulteriori compiti ed assegnandole un maggior contatto con le forze armate libanesi nel Libano meridionale. Oggi UNIFIL comprende oltre 10.000 soldati, fra uomini e donne, provenienti da 45 paesi ed è supportata da circa 900 dipendenti civili nazionali e internazionali. (@OnuItalia)