Sport: intesa tra Italia e AIC per calcio come strumento crescita bambini

472

ROMA, 17 FEBBRAIO – Mercoledì 19 febbraio 2020 la Farnesina ospiterà la firma dell’intesa tra la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del MAECI, l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo/AICS e l’Associazione Italiana Calciatori/AIC per promuovere lo sport, e in particolare il calcio, quale strumento di corretta e sana crescita psico-fisica del bambino, di integrazione e inclusione sociale all’interno delle iniziative finanziate dalla Cooperazione Italiana.

L’evento sarà aperto dal Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Elisabetta Belloni. L’intesa sarà firmata da Giorgio Marrapodi, Direttore Generale della DGCS, Luca Maestripieri, Direttore dell’AICS, e Damiano Tommasi, Presidente dell’AIC, alla presenza di Giampaolo Silvestri, Segretario Generale di AVSI (partner tecnico), e dei Campioni del Mondo 2006 Simone Perrotta e Gianluca Zambrotta.

L’intesa mira a diffondere i principi e i valori dello sport attraverso il binomio calcio – cooperazione e la realizzazione di attività, sia in loco che a distanza, per la formazione dei docenti locali, sostenendo così il sistema sportivo locale e contribuendo alla crescita del territorio. Il modello formativo si basa sulla centralità del bambino, che attraverso la dimensione sportiva e calcistica proietta la propria crescita in una dimensione socio-culturale fondata sul dialogo e l’inclusione.

Il Protocollo d’Intesa sostiene il “modello educativo AIC” sperimentato con successo all’interno di un progetto pilota realizzato in Uganda insieme ad AVSI, i cui risultati saranno illustrati nel corso dell’evento, insieme all’annuncio dei prossimi Paesi dove lo staff tecnico dell’AIC affiancato da ex calciatori esporterà il proprio innovativo modello educativo. (@OnuItalia)