A meta’ giugno Forum Onu sul Commercio: verso ripresa dal Covid verde e inclusiva

68

ROMA, 26 MAGGIO – La pandemia di Covid ha rappresentato una tragedia nel mondo sia in termini di vite umane sia per le conseguenze drammatiche sulle economie e sul commercio di tutti i paesi, minacciando di far deragliare qualunque progetto per un mondo diverso entro il 2030, anno per il quale l’Onu ha fissato importanti obiettivi di sviluppo sostenibile. Proteggere le vite accelerando il processo di recupero è quindi diventata la priorità del mondo. Saranno questi, tra gli altri, i temi del Forum delle nazioni Unite sul commercio 2021 dal titolo ‘Towards a green and inclusive recovery’ che si terrà il 14-15 giugno.

Partendo dall’assunto che il rafforzamento del commercio globale è indispensabile per la ripresa da questa crisi gli organizzatori ricordano che è una fonte di reddito, di posti di lavoro e di opportunità per le donne e gli uomini nei paesi sviluppati e in via di sviluppo.
La crisi ha messo in luce le linee di faglia del nostro percorso di sviluppo, in particolare quello che dipende da un’effettiva partecipazione alle catene di approvvigionamento globali just-in-time. La crisi ha anche esacerbato la vulnerabilità e le disuguaglianze presenti nel mondo. Ma covid-19 non è l’unica crisi da affrontare. Un’emergenza climatica e ambientale rischia di compromettere i progressi raggiunti e le prospettive di sviluppo delle generazioni future. Pertanto, una ripresa non è sufficiente. Deve essere verde e inclusiva, e la politica commerciale svolge un ruolo fondamentale in questo processo.
Con la crisi covid-19 e l’emergenza climatica che hanno un impatto negativo sulle tre dimensioni dello sviluppo sostenibile (economico, sociale e ambientale), ciò di cui il mondo ha bisogno è un policy mix più coerente per proteggere il pianeta e garantire uno sviluppo più inclusivo.

Il Forum prevede un segmento di alto livello dal titolo ”Verso una ripresa verde e inclusiva: il commercio dopo la crisi” che discuterà gli insegnamenti che si potrebbero trarre dall’attuale crisi e le risposte politiche necessarie per garantire che il commercio possa essere la chiave per un processo di ripresa verde. Il gruppo affronterà anche come ridurre le tensioni commerciali e rafforzare il multilateralismo, garantendo che il commercio non ritorni a uno status quo pre-crisi. I relatori di questo evento saranno leader di organizzazioni internazionali, ministri nazionali, commissari regionali e accademici di spicco. Vi saranno poi due sezioni che cercheranno di dare risposte alle domande: Il lato verde della politica commerciale, cosa possiamo fare? e Verso un mondo più inclusivo, cosa può fare il commercio?

Queste discussioni su una ripresa verde e inclusiva della pandemia toccheranno alcuni dei più importanti dibattiti commerciali contemporanei. Pertanto, il Forum delle Nazioni Unite sul commercio 2021 costituisce un passo fondamentale verso l’UNCTAD15, la conferenza quadriennale che si terrà nell’ottobre 2021 che determinerà le priorità e il programma di lavoro dell’UNCTAD nei prossimi quattro anni.