Aereo Ethiopian: Beasley (WFP), agenzia Onu in lutto per le sue sette vittime

1031
ROMA, 10 MARZO – In una giornata profondamente triste per il World Food Programme, in lutto per sette suoi operatori umanitari che hanno perso la vita nella tragedia del volo dell’Ethiopian Airlines, il Direttore Esecutivo del programma mondiale contro la fame nel mondo David Beasley ha parlato con il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres che gli ha espresso la sua solidarietà e il suo sostegno per l’intera famiglia WFP.
“Nel lutto, vogliamo ricordare come tutti questi colleghi WFP erano pronti a viaggiare e a lavorare lontano dalle proprie famiglie per aiutare a rendere il mondo un posto migliore. Era questa la loro missione, come lo è per il resto degli operatori umanitari del WFP”, ha detto Beasley. Si e’ unito nel cordoglio il presidente del Comitato Italiano per il World Food Programme, Vincenzo Sanasi d’Arpe, il Consiglio Direttivo e l’intero staff mandando un pensiero particolare alle famiglie delle giovani Maria Pilar Buzzetti, 30 anni e Virginia Chimenti, 26 anni, entrambe in servizio a Roma,
dove si trova la sede mondiale del World Food Programme.
Virginia, una ex bocconiana, si occupava di budget per i servizi logistici, mentre Maria Pilar, ex Roma Tre, era stata consulente anche per l’associazione di studio, ricerca e internazionalizzazione in Eurasia e Africa, e volontaria con il gruppo di Medici Senza Frontiere. Da lì il percorso che l’aveva portata a lavorare nel mondo degli aiuti umanitari e con l’Onu. (@OnuItalia)