Agenzia Italiana per la Cooperazione (AICS) a Bruxelles per European Development Days

422

BRUXELLES, 18 GIUGNO – L’Agenzia Italiana per la Cooperazione (AICS) partecipa anche quest’anno agli European Development Days, che si tengono a Bruxelles oggi e domani con uno stand dal titolo Equitable Education, Participation and Economic Growth in Sudan e un Lab Debate dal titolo “Can Open innovation be an answer to development challeges? Opportunities and threats”.

Organizzata dalla Commissione Europea, la manifestazione riunisce diverse realtà interessate allo sviluppo per condividere idee ed esperienze per istituire nuove partnership e trovare soluzioni innovative alle sfide più urgenti del mondo. Gli EDD, che vedono la partecipazione di circa 8.000 persone, sono un’occasione unica di incontro e di dibattito a livello internazionale sulle tematiche della cooperazione allo sviluppo. L’Agenzia, che partecipa per il terzo anno consecutivo, presenterà nello stand il progetto TADMEN in Sudan, incentrato sull’inclusione sociale, i diritti delle persone svantaggiate e minori. Il Lab sarà invece un’importante occasione di dibattito e di confronto sulle tematiche dell’innovazione sociale e il suo impatto sul mondo del lavoro e vedrà la partecipazione di speakers di alto livello.

L’AICS parteciperà anche allo stand della Rete Europea dei Practitiones di cui fa parte dal 2016. Lo stand quest’anno è dedicato al tema Working Better Together: Good Practices in Joint ImplementationThe Practitioners Network in action: inclusive and effective cooperation between partners” (stand 43).

 In particolare nel corso delle due giornate sarà presentato lo studio finanziato dalla Rete sulla “Implementazione congiunta” e, in particolare saranno presentati due progetti il Kaafat Liljamia (TVET in Marocco realizzato da AECID e British Council)  e il progetto EurosociAL, volto a rafforzare le politiche di coesione sociale in America Latina (realizzato da FIIAPP, Expertise France, IILA, l’Organizzazione Internazionale Italo-Latino Americana, e SICA). (@OnuItalia)