Grossi: ‘Così l’AIEA lavora anche per contrastare la pandemia di Covid’

207

VIENNA, 16 DICEMBRE – Rafael Mariano Grossi, il direttore generale dell’AIEA, in occasione della giornata Onu dedicata alla difesa dei diritti umani ha scritto un intervento che cerca di spiegare come il lavoro dell’agenzia dell’Onu e l’attuale pandemia siano interconnessi.

”Mentre segniamo la Giornata dei diritti umani con uno sguardo fiducioso verso la fine della pandemia di COVID-19 – afferma Grossi – mi sembra un buon momento per evidenziare i modi spesso sottovalutati in cui l’atomo sostiene il raggiungimento dei nostri diritti umani fondamentali.

Rafael Grossi

Il ruolo dell’AIEA come “cane da guardia nucleare” mondiale è essenziale per la pace e la sicurezza globali e non ha bisogno di preamboli. Proteggendosi dalla proliferazione nucleare, l’Agenzia sostiene la pace e la libertà dall’oppressione. Ma – continua Grossi – contribuisce anche in modo significativo ai diritti sociali ed economici in tutto il mondo. Lavorando per garantire che tutti possano beneficiare della scienza nucleare, l’AIEA sostiene i diritti sanciti dal Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali del 1976. Tra questi vi è il diritto di beneficiare del progresso scientifico; il diritto a un tenore di vita adeguato e il diritto al livello di salute più elevato possibile.
L’Agenzia lo fa utilizzando la scienza nucleare per combattere le malattie zoonotiche; rafforzare la sicurezza alimentare; proteggere i frutti dai parassiti; rafforzare la gestione delle risorse idriche; curare il cancro; e, naturalmente, per aiutare i paesi a mitigare il cambiamento climatico”.
Per il capo dell’AIEA ”Il sostegno a queste aree fondamentali di sviluppo umano è al centro dell’assistenza tecnica di cooperazione dell’AIEA. Più di 140 paesi – tra cui molte nazioni meno sviluppate, 26 in Africa – vengono all’AIEA alla ricerca di soluzioni scientifiche per gestire le risorse, affrontare una crescente incidenza di malattie croniche e infettive e aumentare la produttività attraverso processi industriali puliti e affidabili.
Proprio l’anno scorso, l’AIEA ha supportato 2081 borsisti e formato più di 3.400 scienziati e specialisti. Questi hanno imparato, tra gli altri, a utilizzare tecniche isotopiche per controllare l’origine e la qualità dell’acqua dolce, come sviluppare varietà di pomodori resistenti al calore e per proteggere i pazienti in modo che ricevano la giusta dose di radiazioni per battere un tumore. Sostenere i paesi a prosperare è stato al centro del nostro lavoro da quando l’AIEA è stata creata nel 1957 con la missione statutaria di “accelerare e ampliare il contributo dell’energia atomica alla pace, alla salute e alla prosperità in tutto il mondo”.super batteri

Ricordando che la scienza e la tecnologia nucleare contribuiscono direttamente a diversi obiettivi di sviluppo sostenibile, dalla fame zero alla vita sulla terraferma, e il loro contributo continuerà a crescere mentre i paesi cercano di affrontare le grandi sfide di questa epoca, Grossi fa l’esempio delle ”malattie zoonotiche, come covid-19. Molti paesi si sono rivolti all’AIEA per ottenere supporto durante la pandemia, poiché i test PCR derivati dal nucleare sono il modo più accurato e affidabile per rilevare i virus. L’Agenzia ha spedito più di 1.873 confezioni di apparecchiature per il rilevamento dei virus in 126 paesi e territori. E guardando al futuro, abbiamo lanciato l’iniziativa Zodiac (Zoonotic Disease Integrated Action) per costruire la capacità umana, infrastrutturale e scientifica nei paesi di migliorare la preparazione globale contro i focolai di malattie zoonotiche e prevenire future crisi sanitarie causate da malattie che passano dagli animali all’uomo”.