Migranti: minori, ricerca OIM-UNHCR-UNICEF, riceve premio ‘BOURE’

570
minori soli

ROMA, 21 DICEMBRE – Il rapporto ‘Ad un bivio. La transizione all’età adulta dei minori stranieri non accompagnati in Italia’, pubblicato a novembre dello scorso anno da UNICEF, UNHCR e OIM, è stato insignito del riconoscimento ‘Best of UNICEF Research and Evaluation’ (BOURE). 
Con questo titolo l’Ufficio di Ricerca Innocenti dell’UNICEF promuove ogni anno le migliori ricerche realizzate dall’organizzazione a livello internazionale. Tra le motivazioni del premio l’originalità del tema e il rigore scientifico con cui è stata realizzata la ricerca.
Il lavoro è stato commissionato congiuntamente dalle organizzazioni dell’Onu  e realizzato dalla Fondazione ISMU- Iniziative e Studi sulla Multietnicità, in collaborazione con Università di Catania e Università degli Studi Roma Tre.
L’indagine ha scelto un approccio partecipativo e raccoglie le testimonianze di 185 ragazze e ragazzi minori e neomaggiorenni in tre regioni italiane (Sicilia, Lombardia e Lazio), mettendo in evidenza come, per i minori stranieri non accompagnati, la transizione alla vita adulta non coincida con il passaggio anagrafico alla maggiore età, ma avvenga attraverso un processo che inizia con il distacco dal proprio Paese d’origine e prosegue con la costruzione di una nuova vita nel Paese di accoglienza.
Il rapporto evidenzia la vulnerabilità di questi minori a causa dei traumi subiti, ma anche la loro capacità di resilienza, per poi focalizzarsi sui fattori che favoriscono i processi di transizione all’età adulta (quali l’inclusione, le relazioni formali e non formali, la formazione professionale e l’accoglienza in semi-autonomia)e quelli che li ostacolano, come le sfide nell’inserimento nel tessuto socio-economico e il rischio di sfruttamento soprattutto nel settore agricolo e nella prostituzione.
La pandemia da COVID19 ha reso oggi ancora più complessa l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati in arrivo in Italia e anche l’attivazione dei percorsi di integrazione a loro dedicati (possibilità di frequentare la scuola, i corsi di formazione professionale, l’avvio di tirocini formativi). Ha inoltre esacerbato l’esposizione a situazioni di rischio. Basti pensare che in Italia, a seguito della pandemia, il numero delle chiamate ricevute dal numero nazionale antiviolenza e stalking 1522 ha registrato un aumento del 119% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
L’emergenza sanitaria ha inoltre reso più difficile l’accesso da parte delle donne e ragazze migranti e rifugiate ai sistemi di protezione, anche a causa di barriere culturali e linguistiche. Migrazioni
Le tre agenzie delle Nazioni Unite ribadiscono pertanto le raccomandazioni chiave condivise con le autorità italiane:
• Raccomandazioni alle autorità italiane
• Adottare una strategia nazionale intersettoriale volta ad incrementare le opportunità di inclusione sociale dei giovani rifugiati e migranti che hanno compiuto da poco 18 anni, nonché un Piano d’azione nazionale contro razzismo, xenofobia e discriminazioni.
• Assicurare la piena applicazione della Legge n. 47/2017 sulle misure di protezione nei confronti di minori stranieri non accompagnati.
• Assicurare che i giovani interessati abbiano accesso a supporto psicosociale, assistenza sanitaria, istruzione, misure di prevenzione e risposta alla violenza di genere, formazione e servizi per l’impiego.
• Fornire informazioni ai giovani interessati in merito ai pericoli derivanti dal coinvolgimento in attività informali e illegali, quali la tratta di esseri umani e lo sfruttamento sessuale.
• Accelerare le procedure per il riconoscimento delle qualifiche ottenute in Paesi terzi.
• Incrementare la partecipazione dei giovani rifugiati e migranti alle attività sociali e ricreative.