Cooperazione bilaterale con Iraq: Carabinieri addestrano poliziotte irachene

886

BAGHDAD, 13 DICEMBRE – Le istruttrici delle forze di polizia irachena ‘a lezione’ dai carabinieri italiani: il corso, svolto da un team di Ufficiali e Sottoufficiali donne dei Carabinieri inquadrate nell’ambito della Police Task Force in Iraq con la collaborazione della Croce Rossa Internazionale e dell’European Union Advisory Mission, è terminato con la consegna dei diplomi e rientra nell’ambito dei programmi di cooperazione bilaterale volti a implementare le capacita’ professionali e ad accrescere la consapevolezza delle poliziotte irachene del ruolo fondamentale che esse giocano nel processo di sviluppo della comunità irachena.

A Baghdad, l’ambasciatore d’Italia Bruno Antonio Pasquino,e numerosi responsabili civili e militari iracheni hanno assistito alla cerimonia conclusiva del corso, organizzato dall’Arma dei Carabinieri e dal Ministero dell’Interno iracheno e alla consegna dei diplomi di specializzazione alle 14 partecipanti irachene, alla presenza di funzionari del Gabinetto del Primo Ministro e del Ministero dell’Interno iracheno.

Nell’ambito dei programmi di cooperazione bilaterale, principalmente incentrati sulla gestione dei casi riguardanti le categorie vulnerabili con un focus specifico al diritto internazionale umanitario, alle tematiche relative alla violenza, al trattamento delle vittime di reato e ai principi della parità di genere, sono stati già svolti sette corsi di primo livello di polizia che hanno consentito di addestrare 120 poliziotte irachene provenienti da diversi reparti operativi di Baghdad, mentre sono previsti per il prossimo anno ulteriori corsi di formazione per istruttrici di polizia.
L’ambasciatore Pasquino, nel sottolineare che le tematiche di genere costituiscono una delle priorità politiche, ha ribadito l’impegno dell’Italia in Iraq che si concretizza nella formazione delle donne nei settori di polizia e sicurezza per potenziarne la consapevolezza in materia di diritti umani, law enforcement e violenza di genere.