CinemArena approda a Roma, nelle tappe africane ha parlato di migrazioni e rotte irregolari

876

ROMA, 5 SETTEMBRE – Approda lunedì a Roma CinemArena la carovana di camion che per mesi ha percorso le strade di Senegal, Costa d’Avorio, Guinea, Gambia e Nigeria portando nelle notti scure e stellate dell’Africa il cinema all’aperto a oltre 75.000 persone.

Avviata nel 2002 grazie al Fondo Africa del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, insieme con l’Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e all’OIM (Organizzazione Internazionale per le migrazioni), CinemArena ha percorso per anni le strade di tutto il mondo svolgendo attività di sensibilizzazione su numerosi temi, agendo in sinergia con la Campagna del Ministero dell’Interno e dell’OIM ‘Aware Migrants‘, già diffusa su social, radio e TV.

L’edizione 2018/2019 ha voluto informare dei rischi che i migranti corrono lungo le rotte irregolari. Nei 135 villaggi dell’Africa l’arrivo della carovana di CinemArena è stata un’occasione per parlare con le popolazioni dei paesi di origine dei pericoli che si incontrano lungo tali rotte, nella consapevolezza che, anche se alcune scelte devono sempre essere libere e rispettate, è fondamentale che il percorso decisionale di una persona si possa basare su un accesso a informazioni corrette e veritiere.

Gli eventi serali hanno alternato la proiezione di film di intrattenimento a video di sensibilizzazione sulla migrazione irregolare, a workshop e a spettacoli teatrali, e a Roma  alla Casa del Cinema, l’esperienza di CinemArena sarà raccontata con la proiezione di un film di Piero Cannizzaro e di un breve documentario realizzato da Paolo Colangeli. 

Nelle intenzioni degli organizzatori la serata di Roma può diventare un’occasione per condividere i risultati di questa iniziativa e per incontrare i promotori e tutti i protagonisti del progetto, compresi i due partner che hanno guidato le carovane lungo le strade dell’Africa: il team di Overland (in Senegal, Nigeria, Gambia e Guinea) e la ONG Bambini nel Deserto (in Costa d’Avorio)