Il Cio premia l’Unhcr con la Coppa Olimpica per ”meriti resi allo sport”

791

GINEVRA, 13 GENNAIO – L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha ricevuto un prestigioso riconoscimento da parte del Comitato olimpico internazionale (CIO): la Coppa Olimpica per l’impegno profuso nel sostenere i rifugiati e le comunità che li accolgono attraverso lo sport, e nella promozione dei valori del Movimento olimpico in tutto il mondo. La Coppa Olimpica fu istituita nel 1906 da Pierre de Coubertin, fondatore del CIO e padre del Movimento olimpico moderno. Da allora, il riconoscimento è stato conferito ogni anno a un’organizzazione che ”si è distinta per i meriti resi allo sport o che ha contribuito con successo alla promozione delle idee che animano lo spirito olimpico”.

Filippo Grandi

L’ Alto Commissario Filippo Grandi ha commentato: ”Questo premio rappresenta un tributo che desidero condividere con i miei colleghi in tutto il mondo prodigatisi ben oltre il proprio dovere per offrire opportunità alle persone in fuga attraverso lo sport, anche nelle circostanze più difficili. Inoltre, rappresenta un tributo alle persone costrette alla fuga e alle comunità a cui l’UNHCR offre assistenza, le quali, comprendendo il potere trasformatore dello sport, hanno colto le opportunità che sono state date loro”.

Per il Presidente del CIO, Thomas Bach ”l’UNHCR ha difeso fermamente i valori olimpici. L’impegno del CIO e dell’intero Movimento olimpico a favore dei rifugiati poggia sulla nostra fede incrollabile nel potere dello sport di rendere il mondo un posto migliore…L’UNHCR è convinta dell’effetto benefico dello sport nel mondo. Per i bambini e per i giovani sradicati dalle guerre o dalle persecuzioni, lo sport è molto più di un’attività di svago. È un’opportunità di inclusione e di protezione; un’occasione per guarire, formarsi e crescere”.

I rifugiati di tutto il mondo, è stato ricordato, si sono ”innamorati” delle Olimpiadi nel 2016, quando dieci atleti rifugiati hanno partecipato in squadra ai Giochi di Rio de Janeiro, e altri due hanno gareggiato ai Giochi paralimpici. Dai Giochi di Rio in poi, atleti rifugiati hanno partecipato ai Giochi asiatici indoor e di arti marziali tenutisi in Turkmenistan nel 2017, ai Campionati del mondo di atletica leggera IAAF di Londra nel 2017, e a innumerevoli altri eventi a livello regionale, nazionale e internazionale.

Durante la sua 133esima Sessione, svoltasi a Buenos Aires nel 2018, il CIO aveva deciso di rafforzare il progetto avviato a Rio e istituire una seconda squadra olimpica di rifugiati (Refugee Olympic Team) destinata a partecipare alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Tale decisione rappresenta il desiderio di dare continuità all’impegno del CIO di fare la propria parte nella risposta alla crisi mondiale di rifugiati e di convogliare un messaggio di solidarietà e speranza a favore di milioni di rifugiati nel mondo. Cinquanta atleti rifugiati titolari di borse di studio del CIO residenti in 20 Paesi e specializzati in 11 diverse discipline sportive stanno cercando di guadagnarsi un posto alle Olimpiadi, in previsione delle composizione finale della squadra di rifugiati che parteciperà ai Giochi di Tokyo che sarà annunciata a giugno. Le discipline comprendono atletica, badminton, boxe, ciclismo, judo, karate, tiro a volo, nuoto, taekwondo, sollevamento pesi e lotta.

Il partenariato dell’UNHCR col CIO prosegue da più di venticinque anni. Le due organizzazioni hanno firmato un Accordo di cooperazione nel 1994, e da allora hanno lavorato insieme in oltre 50 Paesi per offrire opportunità ai rifugiati a tutti i livelli attraverso lo sport, dalla società civile all’élite. Nel 2017, il CIO ha lanciato l’Olympic Refuge Foundation (ORF), che mira a creare strutture e programmi sportivi sicuri, inclusivi e accessibili per i giovani rifugiati e sfollati interni e per le comunità che li accolgono. Il Presidente della fondazione è Thomas Bach, mentre Filippo Grandi ne è il Vice Presidente.

Il mese scorso, in occasione del Forum Globale sui Rifugiati di Ginevra, l’UNHCR e il CIO hanno annunciato una nuova Coalizione del mondo dello sport volta ad offrire ai giovani rifugiati opportunità tramite lo sport, migliorandone l’accesso a strutture, eventi e competizioni a tutti i livelli.